Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Categoria: Cultura
Editore: Aracne
Pagine: 224
Prezzo: € 12,00
ISBN: 978-88-548-8080-1
Anno: 2015

Visite: 3376

Recensione

A gennaio 2008 l’Italia imbocca quel tunnel della recessione di cui ancora oggi, a sette anni esatti, non si vede la via d’uscita. Migliaia di imprese sono state spazzate via come se a soffiare sul Paese fosse il vento di una guerra, centinaia di vite umane sono andate perse, ma ad essere smarrita è stata prima di tutto la solidarietà, un sentimento cancellato dal brutale istinto a sopravvivere che ha preso il posto dell’amicizia e dell’amore, mentre tutto rovinava intorno, nelle famiglie, nelle fabbriche, nelle città.

Nel gennaio 2015, mentre contiamo ancora le macerie, è arrivato il momento di comprendere fino in fondo le ragioni di quello che ci è accaduto. Ci sono stati artefici consapevoli a spingere l’Italia nel baratro della crisi economica più profonda dal dopoguerra? E quali epurazioni è stato necessario mettere a segno per portare a compimento un simile, scellerato disegno? Il libro offre una serie di documentate risposte a questi e analoghi interrogativi, aprendo scenari originali su fattori e artefici della crisi ed identificando quei protagonisti che dovevano uscire di scena affinché tutto si compisse.

Per info: aracneeditrice.it

ARTICOLI CORRELATI

In libreria '2008 - L’anno che ha stravolto l’Italia' di Rita Pennarola sulla caduta di Prodi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy