Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.
Categoria: Biografie
Editore: Castelvecchi
Pagine: 384
Prezzo: € 19,00
ISBN: 978-88-7615-441-6

Anno: 2011

Visite: 1781

Recensione

Accade a Roma il 22 febbraio del 1980. Tre individui armati e con il volto coperto da passamontagna si presentano al civico 114 di via Monte Bianco, l’appartamento in cui Valerio Verbano, militante di Autonomia Operaia appena diciannovenne, vive insieme ai genitori. Il ragazzo, in quel momento non è in casa. Le persone che lo stanno cercando, allora, legano sul letto della loro camera suo padre e sua madre, e lo aspettano. Valerio apre la porta di casa sua alle 13.40 e viene immediatamente assalito. Ne nasce una colluttazione che ha termine soltanto con un colpo di pistola che raggiunge il giovane Verbano alla schiena perforandogli l’intestino. Valerio muore ma, da quella terribile data, passano oltre trent’anni prima che al suo nome possa essere collegato quello degli assassini. Un mistero terribile che Marco Capoccetti Boccia ricostruisce con dovizia di particolari: Valerio, prima di morire, stava indagando sul mondo dell’estrema destra romana e raccoglieva materiali che avrebbero dimostrato i legami tra l’eversione nera, gli ambienti della Banda della Magliana e gli stessi poteri pubblici, il tutto destinato a comporre un dossier che, evidentemente, costò la vita al comunista romano. Quello stesso incartamento, a suo tempo sequestrato dagli inquirenti, risulta clamorosamente scomparso dagli archivi del Tribunale di Roma, e alla stessa – inspiegabile – sorte è andata incontro la pistola calibro 38 con cui Verbano venne assassinato. Sono questi gli attori principali presenti sulla scena del delitto Verbano: terroristi neri che, insieme a istituzioni incuranti se non complici, fanno della passione e della morte del ragazzo romano un omicidio di Stato.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy