Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Categoria: Biografie
Editore: Aliberti editore
Pagine: 159
Prezzo: € 14,00
ISBN: 9788874243075
Anno: 2008

Visite: 3297

Recensione

Un'autobiografia cruda, inquietante. Uno dei rari, rarissimi documentioriginali sulla 'ndrangheta, perché rari e rarissimi sono i fuoriuscitiche hanno raccontato questo mondo, fatto di riti e clan, sminuito perdecenni come fenomeno locale e che oggi si rivela invece come la piùpotente mafia del mondo. Antonio Zagari era del paesino di SanFerdinando, sulla piana di Gioia Tauro. Killer di spicco e uomod'onore. Agli inizi degli anni Novanta, per primo, insieme a SaverioMorabito, seguì la strada del pentimento, raccontando di come le'ndrine stessero tessendo una ragnatela internazionale, di comeavessero conquistato Milano e il Nord Italia, come il fatto di operarenell'ombra permettesse di costruire nuovi mercati nella droga e nelriciclaggio. Zagari, finito sotto protezione, fu trasferito a Varese.Qui incontrò il cronista del quotidiano locale "La Prealpina", GianniSpartà. Gli scrisse lettere, gli confidò la paura costante di essereucciso, gli fece leggere il suo memoriale. Poi un giorno, Zagariscomparve. Nel nulla. Perché, come sostiene Arcangelo Badolati, "quelladegli 'ndranghetisti, è una corsa verso il nulla. La loro è una vitaconsumata senza amici, in perfetta solitudine, inseguendo i miraggid'un potere effimero".

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy