Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Rocco Chinnici

Rocco Chinnici (Misilmeri, 1925 - Palermo, 1983), dopo aver conseguito la laurea in Giurisprudenza, viene assegnato al Tribunale di Trapani come uditore giudiziario. Nel 1966 ètrasferito a Palermo come giudice istruttore. Nel 1975 è magistrato di Corte d’Appello e consigliere istruttore aggiunto al Tribunale di Palermo. Nominato magistrato di Cassazione, nel 1979, dopo l’uccisione del giudice Cesare Terranova, diviene capo dell’Ufficio istruzione.
Chinnici intuisce l’importanza della condivisione delle informazioni e del lavoro di squadra: raccoglie intorno a sé un gruppo qualificato di magistrati (Giovanni Falcone, Paolo Borsellino e Giuseppe Di Lello) dando vita a quello che successivamente verrà chiamato ''pool antimafia''.
Dopo aver firmato l'arresto del capomafia Michele Greco e aver indagato sugli ''intoccabili'' esattori Antonino e Ignazio Salvo, muore la mattina del 29 luglio 1983 a causa dell’esplosione di un’auto-bomba. Nell’attentato perdono la vita anche i due agenti della scorta, Mario Trapassi e Salvatore Bartolotta, e il portiere dello stabile in cui viveva, Stefano Li Sacchi. Il giorno dopo i giornali titolano: ''Palermo come Beirut''.


Pubblicazioni dello stesso autore

Copertina di L'ILLEGALITA' PROTETTA

L'ILLEGALITA' PROTETTA

Le parole e le intuizioni del magistrato che credeva nei giovani

Anno: 2017
Visite: 2996

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos