Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Categoria: Mafia
Editore: Mondadori
Pagine: 340
Prezzo: € 17,00
ISBN: 978-88-04-58011-9
Anno: 2008

Visite: 1747

Recensione

Qualche mese fa, durante una delle ultime udienze del processoSpartacus, venne letta una lunga lettera dei boss Casalesi cheaccusavano - con evidente intento intimidatorio - lo "pseudogiornalistaromanziere" Roberto Saviano, la giornalista Rosaria Capacchione e ilmagistrato Raffaele Cantone di avere esercitato una pressione negativasulla corte. Per ironia della sorte, Raffaele Cantone, che ha condottomolte fra le più importanti indagini sulla camorra casertana, in realtànon è più alla Direzione distrettuale antimafia di Napoli dal 16ottobre 2007. È proprio dal suo ultimo giorno in procura che prendeavvio "Solo per giustizia": ripercorrendo la sua esperienza, Cantone cimostra in che modo un bravo studente di giurisprudenza che volevaaddirittura fare l'avvocato sia finito per diventare il nemico numerouno dei boss di Mondragone e Casal di Principe, più di una voltaminacciato di morte e da anni costretto a vivere sotto scorta insiemeai familiari. Un'evoluzione che non nasce da una sorta di vocazionemissionaria, ma prende forma attraverso un percorso graduale e,talvolta, persino casuale, dove però rimane sempre salda la suaoriginaria passione per il diritto. Quella che gli fa trattare con lamedesima professionalità e dedizione le vicende di un anziano signoreche si rivolge alla giustizia per la tragica morte del figlio dovuta aun caso di malasanità e le sofisticatissime indagini condotte insiemeal Ros per arrivare alla cattura di Michele Zagaria, la primula rossadei Casalesi. Ma l'amaro realismo di queste pagine finisce perevidenziare come l'universo camorrista abbia confini ben più estesi eradici ben più profonde dei vertici di qualche clan. Per cui, fino aquando ci saranno politici, funzionari, imprenditori, uomini delleforze dell'ordine e liberi professionisti corrotti, conniventi osottomessi, la camorra resterà come un'idra cui la giustizia puòtagliare una o qualche testa che subito ricresce, mentre coloro che visi oppongono individualmente sono votati a un pericoloso destino diisolamento. Libro profondamente personale e proprio per questo dialtissimo valore civile, "Solo per Giustizia" è una letturaobbligatoria per chiunque voglia capire lo sconcertante potere dellemafie, ma anche apprezzare meglio l'impegno dei molti uomini che, persenso di dovere e con grandi sacrifici, continuano a far funzionare nelnostro difficile paese lo stato di diritto.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy