Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Categoria: Inchieste
Editore: Eurilink Edizioni
Pagine: 380
Prezzo: € 20,00
ISBN: 978-88-95151-571
Anno: 2012

Visite: 2408

Recensione

l testo, edito da Eurilink Edizioni, rappresenta il contributo di un grande politico all’analisi di uno fra i temi più delicati della storia e della cronaca italiana.
Lasciando ai giudici l’indagine legale sul fenomeno mafioso, l’autore ne propone una lettura storico-politica, alla luce della sua esperienza personale di ministro dell’Interno, con un’analisi documentata e rigorosa del periodo segnato dalle stragi di mafia. Il libro affronta anche il tema dell’espansione della mafia e delle sue connessioni con le altre organizzazioni criminali (terrorismo, narcotraffico, ecc.) a livello internazionale, individuando politiche e comportamenti da condividere con altri Paesi per la sua eliminazione.
“Pax mafiosa o guerra?” è un titolo che fa riflettere, una domanda impegnativa, che rispecchia i due tradizionali atteggiamenti dei nostri politici e magistrati verso la peggior piaga del Paese, una disgrazia sociale che si è affrontata a volte con il pugno di ferro a volte con il guanto di velluto. Perché?
Solo un uomo di Stato del calibro di Vincenzo Scotti, un leader che ha concorso a determinare la storia italiana, che ha guardato il fenomeno mafioso dalle stanze dei bottoni di diversi nostri governi, può rispondere a un simile quesito. 380 pagine da non perdere.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy