Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Categoria: Mafia
Editore: Mondadori
Pagine: 208
Prezzo: 17,50
ISBN: 9788804631804
Anno: 2012

Visite: 3244

Recensione

Attraverso la loro attenta analisi i due autori sono giunti a chiarire i codici espressivi della 'ndrangheta, che stabiliscono cosa si può fare e cosa no, cosa si può dire e cosa no e che associano ad ogni trasgressione una pena. Oltre a questo, però, gli autori sono riusciti ad enucleare i "comandamenti" dell'ndrangheta: 1. La 'ndrangheta è una e una sola; 2. Chi tradisce brucerà come un santino; 3. Non si sgarra né si scampana; 4. La famiglia è sacra e inviolabile; 5. Cumandari è megghiu chi futtìri; 6. A tavola tutto si divide e tutto si discute; 7. Senza soldi non si cantano messe; 8. Cu campa campa, cu mori mori; 9. Tutto passa, anche il carcere; 10. È sempre stato così e sarà così per sempre.

Lo scopo del libro è quello di cercare di conoscere meglio la 'ndrangheta, a partire dalle parole degli stessi affiliati e soprattutto dai loro silenzi, da quello che tacciono. Gli affiliati, infatti, non pronunciano mai la parola 'ndrangheta. "Attraverso le nostre ricerche - precisa lo scrittore Antonio Nicaso - abbiamo scoperto che la 'ndrangheta ha una struttura molto antica, risale alla seconda metà del 1800. Il codice del 1867 è molto simile a quello trovato due anni fa. Le norme del codice sono poche, ma vengono applicate con scrupolo dagli affiliati, mentre i capi-mafia si permettono spesso di avere comportamenti ipocriti e contradditori". Lo scrittore ha inoltre aggiunto che "sin dall'inizio la mafia ha stretto rapporto con la classe dirigente. E' un prodotto della modernità, un fenomeno che non invecchia. Le mafie si sono affermate perché non siamo riusciti a comprenderle e a combatterle, perché sono servite a certa politica e a tanti imprenditori del Nord. Ci troviamo di fronte ad una situazione preoccupante, la politica non riesce a fare a meno dei soldi e dei voti dei mafiosi. La lotta alla mafia è scomparsa dall'agenda politica. Ad esempio alle primarie del Pd nessuno ha parlato di lotta alla mafia, che sopprime le speranze dei giovani".

Affinché qualcosa possa davvero cambiare, conclude il procuratore Gratteri, è necessario mettere davanti tanti se: "se cambia il codice penale, se cambia il codice di procedura penale, se cambia l'ordinamento penitenziario, se cambia la scuola"

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy