Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L'Armata Nazionale fu allertata del ritrovamento delle borse con la droga, vicine ad una scialuppa

Portavoci della Forza Armata Nazionale hanno riferito nelle ultime ore del ritrovamento di diversi pacchi di cocaina sparsi in una spiaggia di Rocha, nelle vicinanze dello stabilimento balneare San Antonio. Sul posto c'era una scialuppa rovesciata. Il pubblico ministero di Rocha, Josefina García, è il titolare delle indagini avviate per indagare sulle circostanze che hanno portato il carico di droga fino alla costa di Rocha. Si presume che un'imbarcazione rimasta in mare (oltre alla scialuppa trovata sulla spiaggia) sarebbe coinvolta nell’operazione, ma si ignora se ci sia stato qualche incidente marittimo o un episodio di violenza tra i soggetti coinvolti, che avrebbe portato al fallimento dell'operazione illegale, con i risultati già noti. 

Le autorità marittime hanno appreso del ritrovamento di droga grazie alla denuncia dei vicini del posto, che nelle prime ore di martedì 1° febbraio, hanno assistito alla scena. Secondo quanto riferito dalle autorità sarebbero 40 i pacchi individuati al momento sparsi in uno spazio di circa 900 metri. Non è stato possibile calcolare il volume totale della sostanza, ma si stima sia circa una tonnellata o più. 

Da parte sua, il commissario Alexis Duarte, della Prefettura di Rocha, ha informato la stampa che la ricerca continuerà dall’aria, poiché si presume ci siano ancora borse che galleggiano in alto mare. Non si scarta la possibilità di trovare dei corpi senza vita di una o più persone. L'ispezione della scialuppa ritrovata non ha fornito informazioni utili, ma tutto sembra indicare che parte della droga trovata si trovasse su quella scialuppa. 

Le autorità competenti ritengono che questo sia il primo ritrovamento di cocaina in una spiaggia della costa est dell'Uruguay, da qui deducono l'esistenza di un nuovo modus operandi per il trasporto della droga dentro il territorio nazionale ed in acque giurisdizionali. In questo caso si indagherà se la droga stava per essere caricata in un'altra imbarcazione più grande, servendosi della scialuppa  trovata in spiaggia, per poi essere trasportata eventualmente in un altro paese della regione, e in Europa, o, invece, se fosse destinata alla distribuzione nel nostro territorio, in Uruguay, oppure caricata su camion in altri luoghi. 

Molte le ipotesi attorno al caso, toccherà agli investigatori seguire le piste per determinare la provenienza della droga, le circostanze del ritrovamento sulla spiaggia, e, infine, l'identità delle persone coinvolte.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy