Tra il 2005 e il 2022, l'Onu ha accertato 315.000 gravi abusi contro i bambini nei conflitti, prova dell'impatto devastante dei conflitti sui minori. Secondo l'Unicef, le violazioni commesse dalle parti in guerra in più di 30 situazioni in Africa, Asia, Medio Oriente e America Latina, includono: più di 120.000 bambini uccisi o mutilati (una media di 20 al giorno), almeno 105.000 reclutati o utilizzati da forze armate o gruppi armati, più di 32.500 rapiti, più di 16.000 vittime di violenza sessuale. L'Onu ha inoltre verificato più di 16.000 attacchi a scuole e ospedali e più di 22.000 casi di accesso umanitario negato ai bambini. 
"Poiché questi sono solo i casi accertati - spiega l'Unicef - è probabile che il bilancio reale sia molto più alto. Inoltre, molti altri milioni di bambini sono stati sfollati dalle loro case e comunità, hanno perso amici o parenti o sono stati separati dai genitori o da chi si prende cura di loro". "Ogni guerra è in definitiva una guerra contro i bambini", ha dichiarato la direttrice generale dell'Unicef Catherine Russell. "L'esposizione ai conflitti ha effetti catastrofici, che cambiano la vita dei bambini. Pur sapendo come si deve agire per proteggere i bambini dalla guerra, il mondo non sta facendo abbastanza". "Anno dopo anno, le Nazioni Unite documentano i modi cruenti, tragici e fin troppo prevedibili in cui le vite dei bambini vengono strappate. Spetta a tutti noi garantire che i bambini non paghino il prezzo delle guerre degli adulti e intraprendere le azioni coraggiose e concrete necessarie per migliorare la protezione di alcuni dei bambini più vulnerabili del mondo" ha concluso.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy

Stock Photos provided by our partner Depositphotos