Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La missione permanente della Corea del Nord alle Nazioni Unite ha attaccato il governo degli Stati Uniti d'America a causa delle critiche rivolte al suo programma atomico e ha accusato Washington di essere "la pietra angolare della proliferazione nucleare". Ha sostenuto che gli Usa cercano continuamente "lo scontro" e ha affermato che "non tollererà" critiche da parte del Paese nordamericano, dato che si tratta di una questione interna legata alla sua "sovranità nazionale", come indica un comunicato raccolto dall'agenzia Yonhap. "Oggi, chi erode le fondamenta del regime di non proliferazione non sono altri che gli Usa. E' il colmo che gli Stati Uniti accusino altri di essere una minaccia nucleare", ha puntualizzato la missione, prima di insistere che Pyongyang "non tollererà tentativi da parte degli Usa di accusare senza motivo la Corea del Nord". Ha sottolineato che si tratta degli "interessi nazionali del Paese e dei suoi diritti sovrani". Il segretario di Stato Antony Blinken ha indicato in precedenza che Pyongyang continua ad "espandere il suo programma nucleare illegale", cosa che costituisce una "provocazione" a livello regionale.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Allarme da Seul: Nordcorea si prepara a test nucleare, ''attende solo momento migliore''

Nord Corea: testato nuovo missile balistico nucleare

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy