Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Era del Partito Liberale; è il secondo omicidio contro militanti di Pacto Histórico che sostiene il neo presidente eletto Petro

Aveva ricevuto minacce di morte

Le autorità, a richiesta del neo eletto presidente della Colombia, Gustavo Petro, si impegneranno a fondo nelle indagini per far luce sull’assassinio del deputato del Partito Liberale della Colombia, Carlos Hernández, ucciso a colpi da arma da fuoco questo giovedì - praticamente a bruciapelo - ad opera di un gruppo armato che gli hanno teso un agguato lungo una strada.   
Tutti i massimi esponenti del Partito Liberale vivono ore di costernazione, per questo nuovo attentato perpetrato contro un militante di questo movimento politico, prendendo in considerazione che durante questa settimana, un altro membro di Pacto Histórico, l'attivista ambientalista Juan David Ochoa è andato incontro allo stesso destino, nella regione di Antiochia.
Unanime in Colombia la condanna per questo “vile assassinio” rivolta ai responsabili dell'attentato, tanto materiali come ai mandanti. 
Il neo presidente della Colombia ha dichiarato sui recenti fatti accaduti: “Siamo di fronte a diversi casi di omicidio di militanti che ci hanno sostenuto. Le autorità preposte alle indagini sono chiamate a individuare gli autori di questi assassini sistematici contro un gruppo civile con identità politica. Solidarietà alla famiglia del deputato Carlos Hernández”.
I media locali hanno riferito che l'attentato mortale è avvenuto alle 7 del mattino di giovedì, in una via di transito che collega i comuni di Fortul ed Arauquita. In questo punto, concretamente, i killer hanno intercettato il veicolo sul quale viaggiava Hernández riuscendo a farlo scendere dall’auto per poi aprire fuoco su di lui, con armi automatiche di grosso calibro, che hanno messo fine alla sua vita praticamente sul colpo data la gravità delle ferite. È stato riferito inoltre che i killer hanno sparato a breve distanza dalla vittima: cioè a bruciapelo, per accertarsi di non fallire.
L’attacco mortale contro Hernández, padre di due figli, è accaduto nonostante le misure di sicurezza adottate nei suoi confronti, e che non sono riuscite a neutralizzare l'azione criminale. Il deputato, che era membro del Consiglio Direttivo della Confederazione Nazionale di Assemblee e Deputati della Colombia, aveva ricevuto minacce di morte, ragione per la quale era stato inserito in un programma di Unità Nazionale di Protezione che in realtà in questo caso non è stata efficiente.
Le autorità sono adesso impegnate a rintracciare i responsabili materiali dell'attentato, ed i mandanti, perché è evidente che questo fatto si inserisce in un contesto di violenza verso militanti del Pacto Histórico, che fa parte del Partito Liberale che appoggia il presidente eletto. 

Foto di copertina: Casanare Noticias

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy