Il Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti non ha risposto alle ripetute richieste di chiarimento avanzate delle autorità spagnole nell'ambito di un'indagine che riguarda una società di sicurezza spagnola che sarebbe stata utilizzata dalla CIA per spiare il fondatore di WikiLeaks Julian Assange.

Invece di rispondere a quanto è stato sollevato, come stipulato in un trattato di mutua assistenza legale tra i due Paesi, i funzionari del Dipartimento di Giustizia degli Stati Uniti si sono limitati a chiedere maggiori informazioni sulla base di tale richiesta.

Dal giugno 2020, i giudici istruttori iberici hanno inviato tre richieste di cooperazione per la ricerca di informazioni sull'appartenenza degli indirizzi IP che hanno avuto accesso ai file che registravano l'attività di Assange mentre si trovava presso l'ambasciata ecuadoriana a Londra.

Un punto chiave dell'indagine è determinare se agenti dell'intelligence statunitense abbiano indotto Undercover Global (UC Global), una società spagnola responsabile della sicurezza presso l'ambasciata ecuadoriana tra il 2015 e il 2018, a violare le leggi spagnole sullo spionaggio e la corruzione installando microfoni e telecamere nascoste all'interno di quella sede diplomatica, per registrare gli incontri dell'attivista con avvocati, medici, giornalisti e altri visitatori.

"Non hanno risposto a nessuno", ha detto Santiago Pedraz, il giudice che indaga sul caso in un'intervista esclusiva con Yahoo News.

"Vogliamo sapere cosa è stato fatto con quel materiale", ha sottolineato Pedraz, osservando che il ruolo potenziale della CIA è l'ipotesi principale su cui stanno cercando di indagare.

Lo scorso luglio, la polizia giudiziaria spagnola ha accertato l'esistenza di indizi di un presunto spionaggio nei confronti di Assange. Questa conclusione è stata raggiunta a seguito dell'analisi di due dispositivi di memoria USB, e-mail, chat e documentazione su UC Global, consegnati nel 2020 a un tribunale spagnolo da un testimone protetto.

Foto © Cancillería Ecuador is licensed under CC BY-SA 2.0

ARTICOLI CORRELATI

La CIA pianificava di rapire Julian Assange e ucciderlo

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy