Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Nel Tigray, in Etiopia, fino a 400.000 donne, uomini e bambini stanno affrontando l'insicurezza alimentare acuta. Almeno 33.000 bambini soffrono, inoltre, di malnutrizione acuta grave, con un rischio reale di morire di fame se non ricevono, immediatamente, cure urgenti. Secondo Azione contro la Fame, organizzazione internazionale specializzata nella lotta alla fame e alla malnutrizione infantile, la crisi umanitaria "continuerà a peggiorare, con gravi conseguenze, se non si interverrà subito". Nei prossimi mesi, del resto, si prevede che quasi 4,4 milioni di persone nella regione (circa 3 persone su 4) dovranno affrontare una grave forma di insicurezza alimentare acuta. Gli umanitari, già dall'inizio del conflitto nel novembre 2020, avevano messo in guardia la comunità internazionale in merito alla terribile situazione nella regione. La guerra continua a limitare l'accesso umanitario in alcune parti del Tigray e nelle zone di confine di Amhara e Afar, dove intere comunità rimangono tagliate fuori dalle forniture e dagli interventi salvavita. Dopo quasi nove mesi di conflitto, nel Tigray molti agricoltori sono stati costretti a saltare la stagione della semina e non avranno raccolti. Le parti in guerra hanno preso di mira e distrutto i centri sanitari portando via medicine e altre forniture salvavita.
Molti medici, infermieri e operatori sanitari - continua l'Ong - sono fuggiti e non sono tornati al lavoro; alcuni di loro non vengono pagati da mesi. In risposta ai bisogni umanitari, il lavoro di Azione contro la fame nella regione del Tigray si è concentrato sulla risposta ai bisogni sanitari e nutrizionali, sul ripristino dell'accesso all'acqua potabile, sulla fornitura di servizi igienici sicuri e sul sostegno psicologico alle persone vulnerabili provate dall'impatto del conflitto. Tuttavia sono necessari ulteriori investimenti significativi per affrontare questa drammatica crisi umanitaria. 
"Siamo allarmati dalla gravità di questa crisi che genera fame ed esortiamo tutte le parti coinvolte nel conflitto a rispettare il diritto internazionale umanitario per consentire un accesso umanitario senza ostacoli, in modo che gli aiuti possano raggiungere le comunità che ne hanno disperatamente bisogno - ha dichiarato Hajir Maalim, direttore regionale di Azione contro la Fame per il Corno d'Africa e l'Africa orientale - Inoltre, chiediamo alla comunità internazionale di aumentare i finanziamenti per l'assistenza alimentare d'emergenza, il trattamento nutrizionale e il sostegno ai mezzi di sussistenza". "La carestia - ha concluso Maalim - è sempre causata dall'uomo e lo devono essere anche le sue soluzioni. Dobbiamo fare un passo avanti e agire ora, prima che altre vite si perdano a causa della fame e del conflitto nel Tigray e nelle zone di confine".

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy