Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

“Il presidente russo Vladimir Putin ha chiarito, anche pubblicamente, che si possono raggiungere dei risultati in tutti i settori d’interesse solo trovando un equilibrio reciprocamente accettabile e rigorosamente paritario”. Sono state queste le parole dette dal ministro degli Esteri russo Sergej Lavrov in un’intervista al quotidiano indonesiano 'Rakyat Merdeka'. Lavrov ha anche sottolineato che poco dopo il vertice di Ginevra, le autorità statunitensi, compresi alcuni partecipanti all’incontro, “hanno ripreso i precedenti” atteggiamenti minacciosi seguiti poi dalla minaccia che la Russia sarà soggetta a nuove pressioni se “entro pochi mesi” non accetterà le “regole del gioco” stabilite a Ginevra.
“I tentativi di condurre un dialogo con noi da una posizione di forza sono destinati al fallimento: risponderemo con durezza e decisione agli atti ostili”, ha affermato il ministro.
Nonostante ciò Mosca ha ritenuto che il vertice Russia-Usa tenutosi a Ginevra il 16 giugno scorso si sia svolto in modo franco e professionale, ma non si fa illusioni, ha sottolineato il ministro degli Esteri russo, l’esito del vertice “seppur modesto", ha affermato Lavrov, è pur sempre un passo avanti verso il ripristino della normalità” tra i due Paesi, un obiettivo che tuttavia resta impossibile senza tener conto degli interessi e del rispetto reciproco.

Fonte: nova.news

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy