Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L'ex presidente brasiliano Luiz Inacio Lula da Silva è stato assolto oggi dall'accusa di corruzione nel processo scaturito nel 2017 dall'inchiesta Zelotes. Assieme a Lula sono stati assolti anche l'ex ministro Gilberto Carvalho e altri cinque imprenditori. L'ex presidente era accusato di aver favorito alcune aziende del settore automobilistico in cambio di tangenti. Secondo il pubblico ministero, a Lula sarebbero stati promessi 6 milioni di reais (circa un milione di euro) per finanziare le campagne elettorali del Partito dei lavoratori (Pt, di sinistra). Il giudice Frederico Viana ha stabilito però che "l'accusa è carente di elementi, anche indiziari, che possano dimostrare, oltre ogni ragionevole dubbio, la colpevolezza degli imputati". Nell'interrogatorio dello scorso anno, Lula aveva respinto le accuse e si era detto del tutto estraneo alla vicenda, negando di aver mai favorito le aziende del settore auto.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Lula, le condanne annullate non cancellano le accuse di corruzione

Lava Jato, Lula ancora una volta indagato dal pool di Curitiba

Brasile, annullate le condanne di Lula

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy