Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Londra. Il padre di Julian Assange spera che il presidente americano eletto Joe Biden conceda la grazia al figlio dopo il suo insediamento. Il genitore 76enne del fondatore di Wikileaks ha detto all'agenzia stampa Dpa di temere che il 4 gennaio il tribunale decida in favore dell'estradizione del figlio, dato il modo "arbitrario e malevolo" con cui è stato trattato durante le udienze. Per questo la sua speranza è che Biden decida di graziarlo. Anche Nils Melzer, rapporteur per i diritti umani dell'Onu, pensa che il destino di Assange sia nelle mani del prossimo presidente americano. Raggiunto dall'emittente tedesca Deutsche Welle, Melzer ha detto di ritenere che Assange non riceverà un processo equo a Londra, aggiungendo gli sono stati negati i suoi diritti fondamentali. Ai primi di dicembre, Melzer aveva denunciato il grave deterioramento della salute di Assange in carcere, dicendo che la sua vita era "in pericolo". Allora Melzer aveva chiesto la grazia al presidente uscente Donald Trump, che però non è arrivata. Negli Stati Uniti, il fondatore di Wikileaks rischia fino a 175 anni di carcere per la pubblicazione di materiale riservato sulle operazioni militari in Iran e Afghanistan, che ha rivelato crimini di guerra commessi dai soldati. La polizia britannica ha arrestato Assange nell'aprile 2019, dopo che per sette anni aveva trovato rifugio nell'ambasciata dell'Ecuador a Londra. Assange era entrato nella sede diplomatica per sfuggire ad un mandato di cattura svedese per accuse di stupro che poi sono decadute.

Adnkronos/Dpa

In foto: John Shipton, padre di Julian Assange © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy