Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Mancava solo l'ultimo ok che ieri è giunto: Joe Biden è il 46esimo presidente degli Stati Uniti. Il Collegio Elettorale ha certificato la sua elezione secondo la procedura prevista, mettendo il sigillo ufficiale sull'esito del voto di novembre dopo le lunghe settimane in cui il presidente uscente Donald Trump ha cercato di sovvertire il risultato con una serie di ricorsi per frodi elettorali, tutti respinti, e con forti pressioni politiche. La procedura di voto dei grandi elettori è iniziata alle 10,30 locali ieri ed erano le 17,30 quando i 55 voti espressi dai 'grandi elettori' della California hanno permesso a Biden di superare quota 270, che gli farà varcare la soglia della Casa Bianca tra un mese. Biden, oltre a vincere nettamente il voto popolare con il record di 80 milioni di voti contro i 74 milioni di Trump, ha ottenuto complessivamente 306 voti dai 'grandi elettori' contro i 232 del presidente uscente.
Nel suo primo discorso dopo il voto del Collegio Elettorale, Biden ha lanciato un appello all'unità del Paese e ha sottolineato che "è ora di voltare pagina' sulle elezioni, che sono state 'oneste, libere ed eque".
Intanto alcuni tra i principali rappresentanti repubblicani, tra cui i senatori Lindsey Graham, uno dei maggiori sostenitori di Trump, John Cornyn e Chuck Grassley, hanno rotto le righe rispetto ai 'diktat' giunti dalla Casa Bianca in queste settimane e per la prima volta hanno riconosciuto la vittoria di Biden.
Tra i primi leader a congratularsi con Biden c’è Vladimir Putin, che in un telegramma ha espresso la fiducia che Russia e Stati Uniti, “che hanno una responsabilità speciale per la sicurezza e la stabilità globale”, possano, "nonostante le loro differenze", aiutare realmente “a risolvere molti problemi e sfide che il mondo sta affrontando ora”. Il capo del Cremlino ha osservato che, in questa prospettiva, la cooperazione russo-americana, basata sui principi di uguaglianza e di rispetto reciproco, “risponderebbe agli interessi dei popoli di entrambi i Paesi e dell’intera comunità internazionale”.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy