Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Jorge Figueredo
I responsabili sarebbero membri di una cellula del EPP
La famiglia vive momenti di disperazione e chiede ai sequestratori di liberarlo. L'esercito e le forze di polizia sono impegnati in operazioni in diverse regioni

L'ex presidente paraguaiano ed ex parlamentare del Partito Radicale Liberale Autentico (PRLA), Oscar Denis, è stato rapito. Le forze dell'esercito e della polizia sono impegnati in diverse operazioni in diverse regioni del nord del Paraguay, nel tentativo di localizzarlo, mentre - al momento di scrivere queste righe - si attende ancora una qualche comunicazione da parte dei rapitori. Secondo le prime versioni ufficiali, un gruppo del cosiddetto Esercito popolare paraguaiano (EPP) - che avrebbe lasciato un volantino sul luogo del rapimento - sarebbe responsabile dell’azione, che ha anche scosso profondamente il sistema politico e il governo. Al momento di chiudere il presente articolo, il giornalista ha intervistato la famiglia di Denis. Beatriz, una delle sue figlie - visibilmente costernata - ha dichiarato: "Non abbiamo ancora molte informazioni, ma chiediamo a chi l'ha rapito di mettersi in contatto. Siamo aperti ad ascoltarli e vogliamo sapere di mio padre".
Ciò che colpisce è che il rapimento è avvenuto a pochi chilometri dalla zona dove mercoledì 2 settembre sono state uccise due bambine di 11 anni a colpi di arma da fuoco, che secondo la versione ufficiale si trovavano in un accampamento del EPP, durante uno scontro armato tra le forze militari e la organizzazione criminale terroristica. La morte delle bambine è stata fortemente criticata a livello nazionale e internazionale perché vi sono indizi di probabile esecuzione extragiudiziale o infanticidio, tenendo conto delle irregolarità e dei punti oscuri della procedura svolta dalla Task Force Congiunta (TFC) sia prima dello scontro che dopo la morte delle bambine.

oscar denis familia

Secondo le prime notizie, il fuoristrada di Denis è stato trovato abbandonato davanti al ranch Tranquerita, mentre l'ex vicepresidente e un suo impiegato sono scomparsi.
Ai microfoni dei giornalisti del quotidiano ABC Color, il presidente del Parlamento, il senatore Óscar Salomón, ha confermato i dettagli del rapimento. Ha indicato di aver ricevuto una telefonata dal procuratore generale dello Stato, Sandra Quiñonez, che lo ha informato di un plagio nel nord del paese.
Secondo le informazioni fornite dal pubblico ministero, l'autore del rapimento è stato il sedicente Esercito popolare paraguaiano (EPP), e la vittima risulta essere l'ex vicepresidente Oscar Denis.
Salomon ha raccontato alla stampa della capitale che, dopo aver ricevuto la notizia, è stata immediatamente indetta una sessione straordinaria tenutasi al Senato, in cui le autorità governative hanno presentato un rapporto sull'operazione TFC a Yby Yau dove sono morte le due bambine.
Il politico liberale rapito Amancio Óscar Denis Sánchez, 74 anni, è stato vicepresidente della Repubblica tra il 28 giugno 2012 e il 15 agosto 2013. È stato nominato dal Congresso dopo la rimozione di Fernando Lugo, attraverso un colpo di Stato parlamentare con il formalismo dell'impeachment.
È stato governatore del Dipartimento di Concepción dal 1993-1998 e vice dal 1998-2003. Ha anche servito brevemente per il Ministero dell'Agricoltura e dell'allevamento. È stato senatore dal 2003-2008 e dal 2008-2013, ma quest'ultimo periodo non si è concluso perché ha assunto la vicepresidenza in sostituzione di Federico Franco.
La signora Marta Bareiro de Mena, cognata del rapito, ha chiesto aiuto al presidente Abdo Benitez per trovare Oscar Denis.
Il presidente Mario Abdo Benítez, si è trasferito nuovamente nella zona di Yby Yau, para accompagnare i lavori, come aveva fatto la settimana precedente, dopo il presunto confronto tra la TFC e i membri del EPP.

oscar denis pick up rapimento

Il procuratore distrettuale Federico Delfino è il procuratore incaricato delle indagini su questo nuovo sequestro. Egli è intervenuto anche dopo la morte delle due bambine, ed è stato quello che ha distrutto i vestiti che indossavano e ne ha ordinato la sepoltura, e poi, a causa di interrogatori internazionali sulle irregolarità e le lacune della procedura della TFC, ne ha ordinato l'esumazione e il trasferimento all'obitorio di Asunción per l'autopsia, tenendo conto che nelle prime ore, non sapevano nemmeno l'età esatta delle bambine.
Nel veicolo del sequestrato sarebbe stato trovato un volantino dell’EPP, ma il contenuto non è ancora noto.
Il sequestro potrebbe avere conseguenze imprevedibili nelle prossime ore e nei prossimi giorni, non solo per la zona settentrionale, ma per l'intero paese, tenendo conto del fatto che recentemente diversi settori cittadini stanno rivendicando la scomparsa della TFC, sia per il suo funzionamento incostituzionale, sia per il costo economico del suo mantenimento, che è molto elevato, con scarsi risultati nella lotta contro il presunto gruppo di guerriglieri del EPP.

Foto di copertina: www.misionesonline.net / Óscar Denis
Foto 2: www.ultimahora.com / Figlie di Denis che parlano con la stampa
Foto 3: www.noticieroparaguay.com / Luogo in cui il veicolo di Denis è stato abbandonato

ARTICOLI CORRELATI

Rilasciato in Paraguay il bracciante Mendoza, Óscar Denis tenuto ancora in ostaggio

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Centro Studi Pio La Torre
  • Nucleare
  • San Patrignano
  • Scorie Nucleari
  • Video

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy