Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Finché il primo ministro resterà in carica, sussisterà il rischio di compromettere le indagini sull'assassinio di Daphne Caruana Galizia"

Il Parlamento Europeo ha approvato una risoluzione non legislativa sul caso della giornalista maltese Daphne Caruana Galizia uccisa con un’autobomba il 16 ottobre 2017. Nel testo approvato con 581 Sì, 26 No e 83 astensioni, l'Eurocamera afferma che finché il premier di Malta Joseph Muscat resterà in carica, sussisterà il rischio di compromettere le indagini sull'assassinio della reporter. Gli eurodeputati sottolineano inoltre che "gli sviluppi registrati negli ultimi anni a Malta hanno portato a gravi e persistenti minacce a Stato di diritto, democrazia e diritti fondamentali".
Nella risoluzione non legislativa si fa riferimento alle accuse di corruzione e riciclaggio di denaro contro Muscat, e in particolare il suo capo di stato maggiore Keith Schembri e l'ex ministro del turismo Konrad Mizzi, altri membri del governo, imprese private e persone ad esse collegate. Gli eurodeputati deplorano che numerose altre indagini su casi connessi di riciclaggio e corruzione non abbiano registrato progressi o non siano state nemmeno avviate. Il Parlamento Europeo evidenzia inoltre che "gli sviluppi registrati negli ultimi anni a Malta hanno portato a gravi e persistenti minacce allo Stato di diritto, alla democrazia e ai diritti fondamentali" e si dicono preoccupati per il rispetto della libertà degli organi di stampa, dell'indipendenza della polizia e della magistratura e della libertà di riunione pacifica. Inoltre, il Parlamento si rammarica per la mancanza di garanzie costituzionali adeguate sulla separazione dei poteri. Le osservazioni della Vicepresidente della Commissione Jourova, secondo la quale la mancata attuazione di riforme giudiziarie da parte di Malta potrebbe far scattare una procedura a norma dell'articolo 7, sono state accolte con favore dai deputati. Si ribadisce poi la necessità di istituire un meccanismo Ue in materia di democrazia, Stato di diritto e diritti fondamentali. Il Parlamento chiede anche che siano eliminati i "programmi di soggiorno e cittadinanza per investitori" dal momento che ciò si traduce concretamente nella vendita della cittadinanza dell'Ue e costituisce una minaccia alle capacità maltesi di contrastare il riciclaggio, altre fattispecie di criminalità transfrontaliera e l'integrità dello spazio. Per ultimo, si accoglie con favore l'approvazione da parte dell'Ufficio di presidenza del Parlamento dell'istituzione di un "premio europeo Daphne Caruana Galizia per il giornalismo investigativo", da assegnare annualmente a esempi eccellenti di giornalismo d'inchiesta in Europa, e si invita l'Ufficio presidenziale ad adottare quanto prima le disposizioni necessarie.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Caso Caruana Galizia: governo nel caos, il presidente Muscat annuncia dimissioni dopo scelta del sostituto

Caso Caruana Galizia: crolla il ''castello di carte'', arrestato il ministro Keith Schembri

Caso Caruana Galizia: si spacca il governo maltese, il ministro Bartolo chiede le dimissioni dei colleghi Schembri e Mizzi

Omicidio Caruana Galizia: arrestato il mandante Yorgen Fenech

Omicidio #DaphneCaruanaGalizia

Omicidio Caruana Galizia: preso sospetto "intermediario'' dei mandanti. Parla solo se garantita la grazia, Muscat accetta

Daphne Caruana Galizia, a due anni di distanza ancora ignoti i mandanti

''Mia madre, fatta saltare in aria per le sue inchieste'': la morte di Daphne Caruana Galizia

Daphne Caruana, la giornalista che ha sacrificato la vita sull'altare della verità

Nasce ''The Daphne Project''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy