Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di AMDuemila
Secondo la magistratura slovacca il potente oligarca Marian Kocner sarebbe il mandante dell’omicidio

C’è stata una svolta nelle indagini che riguardano l’omicidio del giornalista slovacco, Jan Kuciak e della sua compagna Martina Kusnirova, assassinati nella loro abitazione il 22 febbraio 2018. La magistratura slovacca ha incriminato per omicidio premeditato il potente oligarca Marian Kocner, presunto mandante del delitto, e gli altri tre per essere stati gli esecutori. Kocner è uno dei più noti uomini d’affari della Slovacchia e dal giornale Aktuality.sk per il quale lavorava Kuciak sarebbe stato definito “un mafioso”. Secondo le indagini a intimidire il cronista slovacco sarebbe stato proprio l’imprenditore che nel settembre 2017 gli avrebbe detto “Troverò prove su di te e sulla tua famiglia: tutti hanno uno scheletro nell’armadio”. Kocner e due dei membri del commando si sono proclamati innocenti, il quarto, invece, ha ammesso di aver sparato di persona. Mentre un quinto uomo si è dichiarato complice e ha patteggiato con i giudici accettando di testimoniare al processo contro gli incriminati, forse per ottenere in cambio attenuanti nel verdetto.
“I quattro incriminati rischiano l’ergastolo, per duplice omicidio premeditato, e altri cinque capi d’accusa” hanno fatto sapere i magistrati a Bratislava.
L’omicidio del giornalista Jan Kuciak, insieme alla sua fidanzata, ha causato una forte protesta popolare che il premier socialista-sovranista Robert Fico fu costretto a dimettersi. Gli investigatori avrebbero trovato migliaia di sms che intercorrevano tra Kocner ed alti rappresentanti di governo e magistrati, pubblicati anche dai giornali. Infatti, un viceministro, due procuratori e un giudice sono stati costretti alle dimissioni.

ARTICOLI CORRELATI

Nuovi elementi sull'omicidio di Jan Kuciak. Foto dimostrano che ''era stato pedinato''

Ricordando Ján Kuciak, un giornalista coraggioso

Svolta in Slovacchia, arrestati sospetti omicidio cronista Kuciak

Slovacchia: ''Giornalista ucciso indagava sulla 'Ndrangheta''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy