Messico-elezionidi Gianni Proiettis - 5 luglio 2012
Secondo gli osservatori internazionali gravi irregolarità nella vittoria elettorale del Pri. Lóper Obrador chiede il riconteggio seggio per seggio. Con lui milioni di elettori rimasti con la bocca amara. L'imposizione è consumata ma Amlo non ci sta.

Andrés Manuel López Obrador, candidato di un ampio fronte di sinistra che riunisce tre partiti - il Partido de la Revolución Democrática, il Partido del Trabajo, Movimiento Ciudadano - e un grande movimento popolare - il Movimiento de Regeneración Nacional (Morena), con 4 milioni di iscritti - ha presentato un ricorso per impugnare l'intero processo elettorale e l'attribuzione della vittoria al candidato del Pri Enrique Peña Nieto. In questo, Amlo dimostra un'aderenza alla legalità ignota ai suoi avversari, che lo etichettano da sempre come un perdente rissoso, e non è solo, ma spalleggiato da milioni di elettori rimasti con la bocca amara.

La vittoria del Pri e del suo candidato telegenico, in effetti, è stata dichiarata troppo in fretta, a scrutini appena iniziati, la sera stessa delle elezioni, dopo una giornata piena di brogli e intromissioni. Le irregolarità riscontrate dagli osservatori della coalizione progressista riguardano ben 113.855 seggi su un totale di 143.151 ed è su questa base che Amlo ha chiesto all'Instituto Federal Electoral (Ife) un nuovo conteggio dei suffragi «voto per voto, seggio per seggio».

Sembra un déjà vu del 2006, quando 50 giorni di proteste popolari costrinsero l'Ife a ricontare il 10 % delle schede, rivelando errori e manomissioni che però, secondo il supremo tribunale elettorale, non erano abbastanza per invalidare le elezioni. Questa volta, oltre a questionare lo scrutinio, la coalizione progressista denuncia l'uso fazioso dei media, con Televisa in testa, la diffusione di inchieste e sondaggi mercenari e una cascata di finanziamenti occulti - Amlo parla di 5 miliardi di pesos, 300 milioni di euro - per comprare e deviare la volontà dell'elettorato.

L'ondata delle proteste contro un'elezione evidentemente truccata ha cominciato a sollevarsi fin da domenica sera.

Lunedì 2 luglio, mentre il movimento «Yo soy 132» è sceso in piazza andando a manifestare davanti all'Ife al grido di «el voto comprado no puede ser contado», fra i più di 30mila osservatori nazionali e 700 stranieri predominava lo sgomento. Le migliaia di elettori che non hanno potuto votare per mancanza di schede, l'inefficienza delle istituzioni, la compravendita dei voti in tutto il territorio nazionale, la violenza di certe zone e le frequenti intimidazioni gettano seri dubbi sull'equità e la legalità dell'ultimo processo elettorale.

Secondo Alianza Civica, una ong che si dedica dal 1994 all'osservazione elettorale, il 30% circa dei voti del 1 luglio sono stati il prodotto di compera e coercizione del voto, mentre nel 21% dei seggi osservati si è violata la segretezza del suffragio. Quest'ultima violazione, fatta per controllare che chi ha venduto il voto rispetti il patto, è facilitata dalla struttura delle cabine di votazione, che sono semiaperte, e dal ricorso a bambini che si fingono parenti accompagnatori - una figura consentita - ma in realtà sono piccole spie. Li chiamano halconcitos, i «falchetti».

In una conferenza stampa, Beatriz Camacho e Hector Díaz Santana, rappresentanti di Alianza Civica e di Equipo Pueblo, hanno rivelato che le numerose irregolarità, specialmente la compera e il condizionamento del voto, non sono state commesse da un solo partito, anche se la maggioranza sono imputabili al Pri. Le due ong sono state le prime a stabilire che la gravità delle infrazioni è tale che meriterebbe l'annullamento delle elezioni.

Gli osservatori si sono trovati d'accordo nel considerare che le anomalie registrate nel 2012 hanno superato quelle delle elezioni del 2006 e che sono talmente difficili da quantificare che l'Ife e la Fepade (la procura specializzata in reati elettorali) «sono assolutamente insufficienti a correggere un problema così grave». Secondo i rapporti di 500 osservatori, che hanno osservato i seggi in 21 stati, il 28,4% degli elettori ha ammesso di essere stato esposto ad almeno una pratica di compera o coazione del voto.

Alianza Civica ha rilevato anche il fenomeno delle cosiddette «maree», che consistono in vari rappresentanti di un partito politico - la legge ne ammetterebbe solo due - che, con fare intimidatorio, si mettono alle spalle dei funzionari del seggio.

Con una fretta sorprendente, numerosi governi europei - Francia, Spagna, Gran Bretagna per primi - e centroamericani si sono congratulati con Peña Nieto per la sua vittoria fin da lunedì, quando era ancora in corso lo spoglio delle schede.

Il più sollecito e contento di tutti, per ovvie ragioni, è stato il presidente Obama, che si è felicitato personalmente con il candidato del Pri. In Messico invece, dopo il ricorso presentato da López Obrador e la coalizione progressista, l'Instituto Federal Electoral ha annunciato la sua disponibilità a ricontare circa un terzo dei voti.





L'articolo è stato pubblicato su il manifesto.

Fonte: contropiano.org

Tratto da: megachip.info

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy