Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Nuclear Regulation Authority (NRA) del Giappone, l'organo del governo che si occupa della sicurezza nucleare nel Paese, ha approvato in via preliminare il piano della Tokyo Electric Power Company (Tepco) di scaricare in mare l'acqua trattata della centrale nucleare danneggiata di Fukushima Daiichi. Fornirà la sua decisione finale sul piano dopo un periodo di confronto con il pubblico di 30 giorni. Nel sito di Fukushima Daiichi, l'acqua contaminata - in parte utilizzata per raffreddare il combustibile nucleare fuso - viene trattata con il Advanced Liquid Processing System (ALPS), che rimuove la maggior parte della contaminazione radioattiva, ad eccezione del trizio. Quest'acqua trattata è attualmente stoccata in circa 1000 cisterne in loco. La capacità totale di stoccaggio dei serbatoi ammonta a circa 1,37 milioni di metri cubi e tutti i serbatoi avrebbero dovuto essere pieni intorno alla metà del 2022. Tuttavia, il mese scorso Tepco ha affermato che ora si aspetta che i serbatoi raggiungano la piena capacita' tra la metà e la fine del 2023. Il Giappone ha annunciato l'anno scorso di voler scaricare in mare l'acqua trattata immagazzinata nell'impianto di Fukushima Daiichi per un periodo di circa 30 anni. Il 21 dicembre 2021 Tepco ha presentato all'ANR la domanda per la progettazione di base dell'impianto di diluizione/scarico dell'acqua trattata con ALPS e delle relative strutture. Secondo il piano, l'acqua trattata sarà diluita con acqua di mare in modo che la quantità di trizio contenuta sia inferiore a un quarantesimo degli standard stabiliti dallo stato. L'acqua diluita viaggerà quindi attraverso un tunnel sottomarino e verrà scaricata a circa un chilometro dalla costa. Tepco ha affermato di aver "esaminato seriamente le osservazioni formulate dall'Autorità di regolamentazione nucleare durante le riunioni di revisione in merito al piano di attuazione per la gestione dell'acqua trattata con ALPS e ha tenuto conto di queste osservazioni nelle revisioni del suo piano di attuazione".

Foto: it.depositphotos.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy