Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.


"E' più forte di Katrina"

Tra strade deserte e negozi chiusi è una New Orleans spettrale quella che trattiene il fiato per l'arrivo dell'uragano Ida. Gli esperti dicono che si abbatterà sulla città con venti decisamente più forti di Katrina che 16 anni fa ha devastato la città.
In migliaia hanno lasciato la città e l'area costiera della Louisiana per mettersi al riparo dalla furia del mostro che, con le sue piogge torrenziali e venti ben oltre i 220 chilometri orari, minaccia di essere devastante. L'uragano flirta con la categoria 5, la più elevata e quella che fa più paura: sono solo cinque gli uragani di tale forza che si sono finora abbattuti sugli Stati Uniti. C'è stato Michael nel 2018, Andrew nel 1992, Camille nel 1969 e il Labor Day Hurricane del 1935. New Orleans e la Louisiana si preparano da giorni ma l'organizzazione è complicata dal Covid. Gli ospedali sono pieni e non c'è stata possibilità di ricollocare i pazienti. Le strutture pubbliche di riparo allestite funzionano a capacità limitata per garantire il distanziamento sociale e ridurre il rischio di esposizione al virus in uno Stato che registra fra i tassi più bassi di vaccinazione in tutti gli Stati Uniti. Ida si presenta come il test più serio e difficile per il sistema di argini allestito in Louisiana dopo Katrina che, il 29 agosto del 2005, esattamente 16 anni fa, colpì lo stato devastando New Orleans. Il bilancio fu di oltre 1.800 morti e danni per miliardi di dollari. 
L'aeroporto della città è completamente chiuso, costringendo molti turisti a una permanenza forzata dopo aver ignorato gli inviti a partire. Le persone senza elettricità sono già 65.000 e in diverse piccole località costiere è in vigore il coprifuoco. La forza imponente di Ida ha già costretto il 91% delle piattaforme petrolifere nel Golfo del Messico a fermare le loro attività, facendo intravedere un balzo dei prezzi del petrolio. E torna ad alimentare il dibattito sugli effetti del cambiamento climatico, all'origine - secondo molti - della potenza dell'uragano. 
Alla base militare di Dover, dove ha accolto le salme dei 13 marine caduti in Afghanistan, Joe Biden segue gli sviluppi mantenendo costantemente aperta la comunicazione con la Federal Emergency Management Agency. Il presidente ha dichiarato lo stato di emergenza per la Louisiana e il Mississippi, aprendo la strada all'assistenza federale.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy