Era accusato di aver corrotto testimoni su processo violenze elettorali

L'avvocato keniota Paul Gicheru, accusato di aver corrotto testimoni che avrebbero dovuto testimoniare presso la Corte penale internazionale (Cpi) sulle violenze elettorali del 2007, è stato trovato morto a casa sua a Nairobi. Lo ha confermato ai media la polizia, precisando che il suo cadavere è stato scoperto la scorsa notte. Il legale, sul quale dal 2015 pesava un mandato d'arresto della Cpi, si era consegnato al tribunale del L'Aja nel novembre del 2021: era accusato di aver corrotto persone che avrebbero dovuto testimoniare contro l'attuale presidente del Kenya, William Ruto, sulle sue responsabilità nelle violenze post-elettorali del Kenya del 2007-2008, in cui sono state uccise più di 1.000 persone. Durante quelle violenze Ruto è stato a sua volta accusato di omicidio, deportazione e persecuzione, accuse che ha sempre negato. Anche Gicheru ha respinto le accuse a suo carico, tuttavia secondo la procura del Kenya queste hanno inciso sul caso di Ruto, in particolare dopo che la Cpi ha chiuso il caso contro il presidente adducendo mancanza di prove. Alla notizia della morte dell'avvocato, confermata dai famigliari, la Commissione per i diritti umani del Kenya (Khrc) ha chiesto in una nota alla polizia di "condurre indagini rapide e conclusive" sul suo decesso, anche se "i dettagli stanno ancora emergendo".

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy