Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Gustavo Petro e Francia Márquez sono entrati in carica: molteplici cambiamenti per un popolo che cerca l'unità latinoamericana

Il nuovo presidente della Colombia, Gustavo Petro, nel suo discorso di investitura di domenica scorsa, di fronte ad una piazza Bolívar traboccante di folla, ha esortato a porre fine alla fallita "guerra alla droga" e ha posto l’accento su una "forte politica di prevenzione dei consumi".
Non si tratta solo di un nuovo corso politico, ma della rinascita della lotta per i diritti dei più bisognosi. Lo dicono le persone che sostengono questa nuova forza emersa in Colombia, un Paese quotidianamente crudelmente punito dalla violenza istituzionale e dalla criminalità organizzata.
"È tempo di una nuova convenzione internazionale che accetti che la guerra alla droga è fallita", ha detto il nuovo presidente.
Senza fare riferimento agli Stati Uniti, Petro ha espresso l’inutilità dei “quattro decenni” del cosiddetto piano Colombia contro il narcotraffico promosso dal Paese del nord.
“La guerra alla droga ha rafforzato le mafie e indebolito gli Stati Uniti”, ha sentenziato il primo presidente di sinistra nella storia del Paese, e ha aggiunto una statistica indiscutibile secondo cui un "milione di latinoamericani" sono stati assassinati e 70.000 nordamericani muoiono "per overdose ogni anno”.
“Aspettiamo che un altro milione di latinoamericani venga assassinato e che le morti per overdose salgano a 200.000 negli Stati Uniti ogni anno?”, ha sottolineato nel suo discorso come nuovo presidente.
D'altra parte, alcune delle sue prime dichiarazioni hanno ruotato attorno al rispetto dell'Accordo di pace dell'Avana e all'apertura di un canale di dialogo con i gruppi armati per porre fine a sei decenni di violenti conflitti.

Disuguaglianza e fame
Petro ha promesso di combattere la situazione di povertà di gran parte della cittadinanza. "Il 10% della popolazione colombiana ha il 70% della ricchezza, è sbagliato ed immorale”. E subito dopo ha parlato di riforma fiscale. “È semplicemente il pagamento di solidarietà che una persona fortunata fa ad una società che permette e garantisce la sua fortuna”.

Ambiente
Affiancato da Francia Márquez, sua compagna di viaggio, femminista e nota attivista ambientale, il nuovo presidente colombiano ha detto: “Siamo pronti per un'economia senza carbone e senza petrolio, ma in questo modo facciamo poco per aiutare l'umanità. Non siamo noi quelli che emettono gas serra. Sono i ricchi del mondo che lo fanno. Dov'è il fondo mondiale per salvare la foresta pluviale amazzonica?”.
Il presidente ha anche già espresso l'intenzione di motivare uno scambio di debito estero per spese interne con azioni protezionistiche dell'ecosistema e soprattutto dell'Amazzonia. “Se il FMI aiuta a scambiare il debito con un'azione concreta contro la crisi climatica, avremo una nuova economia prospera”.

Nuove misure in tema sicurezza
Il nuovo governo intende affrontare dure riforme. Ad esempio, creerà il Ministero della Pace, Sicurezza e Convivenza, dove avrà sede la Polizia (attualmente dipende dal Ministero della Difesa).
Petro, nel suo discorso, ha anche esortato “tutte le persone armate a deporre le armi nelle nebulose del passato” in modo che “la pace sia possibile” e quindi “porre fine, una volta per tutte, a sei decenni di violenze e conflitti”. 
Il presidente ha anche promesso di rispettare l'accordo di pace con le FARC, firmato nel 2016, e di seguire “alla lettera le raccomandazioni del rapporto della Commissione Verità", presentato a fine giugno perché, come ha sottolineato “non possiamo continuare nel paese della morte, dobbiamo costruire il paese della vita”.
“Lavoreremo instancabilmente per portare pace e tranquillità in ogni angolo della Colombia. Questo è il governo della vita, della pace ed è così che sarà ricordato”,
ha aggiunto Petro.
Come ha detto, questa pace è sicura solo con un dialogo sociale in tutte le regioni della Colombia “per incontrarci tra le differenze” e perché è “tutta la società che deve dialogare su come non ucciderci e come progredire”.

Riforma fiscale
Petro ha chiarito nel suo intervento che il suo governo presenterà al Congresso una riforma fiscale mirata maggiormente al sociale, al fine di ottenere risorse che consentano di aiutare i più vulnerabili.
“L'uguaglianza è possibile se siamo capaci di creare ricchezza per tutti e se siamo capaci di distribuirla in modo più equo. Per questo proponiamo un'economia basata sulla produzione, sul lavoro e sulla conoscenza. Ed è per questo che proponiamo una riforma fiscale che generi giustizia”, ha affermato il presidente.
Petro ha spiegato che prendere parte della ricchezza delle persone che hanno e guadagnano di più per darla alle classi inferiori “non deve essere visto come una punizione o un sacrificio. È semplicemente il pagamento di solidarietà che un fortunato fa ad una società che permette e garantisce la sua fortuna”.

Le politiche di genere e l'unione latinoamericana
Nel suo piano di governo, Petro ha anche annunciato che le politiche di genere dovrebbero già essere una realtà e ha annunciato che Francia Márquez guiderà il Ministero dell'uguaglianza.
In altre parti del suo discorso ha fatto riferimento all'importanza della forza latinoamericana e ha chiesto che la regione si unisca. “Oggi abbiamo bisogno di essere più uniti che mai. Come disse una volta Simón Bolívar: ‘L'unione deve salvarci, così come la divisione ci distruggerà se si frappone tra di noi’. Che finisca la divisione dell'America Latina”.
Alla presenza di una decina di capi di Stato - tra gli altri Alberto Fernández, Luis Arce (Bolivia), Gabriel Boric (Cile), Xiomara Castro (Honduras), Guillermo Lasso (Ecuador) - Petro ha esortato l'America Latina a unirsi in progetti concreti. “L'unità latinoamericana non può essere mera retorica. È tempo di lavorare insieme”. E volgendo lo sguardo all'orizzonte, rivolgendosi alla piazza, parafrasando la fine di Cent'anni di solitudine, ha detto: “Oggi inizia la nostra seconda possibilità”.

Foto © Coronades03

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy