Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Se il Congresso degli Stati Uniti approverà il testo che dichiara la Russia 'Stato sponsor del terrorismo' per l'invasione dell'Ucraina, sarà raggiunto il "punto di non ritorno" nelle relazioni tra Washington e Mosca. 
Lo ha dichiarato, in un'intervista a Tass, il direttore del dipartimento per il Nord America del ministero degli Esteri russo, Alexander Darchiev. "Non vorrei addentrarmi in discussioni ipotetiche su cosa è possibile e cosa non lo è nell'attuale turbolenta situazione, ora che gli occidentali, guidati dagli Stati Uniti, hanno calpestato il diritto internazionale e tabù assoluti della pratica diplomatica", ha affermato Darchiev. "In questo contesto, citerò l'iniziativa legislativa attualmente in discussione al Congresso per dichiarare la Russia un "Paese sponsor del terrorismo", prosegue l'alto funzionario, "se verrà attuata, significherà che Washington ha attraversato il punto di non ritorno con gravissimi danni alle relazioni diplomatiche bilaterali che potrebbero giungere fino al declassamento e addirittura alla rottura". "La controparte americana è stata avvertita", conclude Darchiev.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

La Russia esorta gli Stati Uniti a spingere l'Ucraina ai negoziati

Il fronte ucraino si sgretola. Zelensky: ''Situazione nel Donbass molto difficile''

Guerra in Ucraina: pericolo nucleare in aumento mentre i russi avanzano

L'ombra dell'occidente nell'attacco ucraino alla centrale nucleare di Zaporozhye

TAGS: ,

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy