Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il programma prevede l’addestramento in vista di un’escalation

La CIA sta supervisionando un programma segreto di addestramento delle forze speciali dell’Ucraina, ha riferito questa settimana Yahoo, citando diversi ex membri dell'agenzia ed ex funzionari della Sicurezza Nazionale.
Secondo i dati riportati, il programma, che si sarebbe svolto a sud degli USA, è iniziato nel 2015, durante il mandato di Barack Obama, ed è stato ampliato durante la presidenza di Donald Trump e di Joe Biden. Diversi ex funzionari hanno anche segnalato che i paramilitari che hanno lavorato con la CIA iniziarono a recarsi nell'est dell’Ucraina nel 2015 per delle consultazioni.
Il programma includerebbe l'addestramento all'utilizzo di armi, tecniche di mimetizzazione, navigazione terrestre, tattiche di come "mimetizzarsi e muoversi, intelligence ed altro. 

Obiettivi del programma
In quanto agli obiettivi dell'addestramento di diverse settimane, le fonti di Yahoo hanno fornito diversa informazione al riguardo.

Kremlino: “Stiamo osservando un’invasione graduale da parte della Nato in Ucraina, caratterizzata da infrastrutture, istruttori e rifornimento di armi sia difensive che offensive.

"Il proposito di questo rafforzamento […] era prestare assistenza nella raccolta [di dati] di intelligence", ha detto un alto funzionario dell’intelligence.
Nel frattempo, sempre un ex alto ufficiale ha dichiarato che è stato portato a termine "l'addestramento specifico delle abilità che avrebbero migliorato "le capacità delle truppe ucraine per opporre resistenza ai militari russi in caso di un'eventuale offensiva di Mosca. Ci sono anche notizie che il programma prevedeva "questioni tattiche" da utilizzare come “mezzo offensivo se i russi invadessero Ucraina”.





Allo stesso tempo, un ex funzionario della CIA., conoscitore dei dettagli del programma, ha affermato che l'obiettivo era "addestramento di un’insurrezione” ed insegnare ai militari ucraini come “uccidere i russi”. I militari addestrati dovevano essere "leader insorti" in caso di un'invasione della Russia, ha segnalato un ex alto funzionario di intelligence, e ha aggiunto che l’USA li ha addestrati per 8 anni e “sono dei combattenti molto bravi”.
L'informazione al riguardo, tuttavia, non è stata confermata dall'Agenzia Centrale di Intelligence. La portavoce Tammy Thorp ha precisato che le dichiarazioni sull'addestramento di insurrezione  “sono semplicemente false”.

Accuse senza prove che la Russia stia preparando un intervento in Ucraina
La pubblicazione è avvenuta mentre Occidente accusa la Russia di preparare un'offensiva contro Ucraina, sempre senza presentare prove. 
Mosca, che ha smentito ripetutamente tutte le dichiarazioni al riguardo, ha definito quelle accuse una "isteria" fomentata dai media e ha denunciato la militarizzazione del paese vicino da parte dell'Organizzazione del Trattato del Nord Atlantico.
Il portavoce del Cremlino, Dmitri Peskov, ha commentato questo sabato, le recenti notizie che attribuiscono alla Russia la preparazione di una presunta provocazione in Ucraina e ha precisato che Mosca non sta compiendo alcuna azione contro Kiev, reiterando che le autorità statunitensi non hanno fornito prove delle loro accuse. "Abbiamo ascoltato [...] una dichiarazione del signore Sullivan che ha promesso di pubblicare le prove di queste accuse entro 24 ore, se non mi sbaglio. Stiamo ancora aspettando quelle prove", ha detto il portavoce, in riferimento alle affermazioni del consigliere per la Sicurezza Nazionale degli USA, Jake Sullivan, che ha affermato questo giovedì che la "Russia sta ponendo le basi per poter avere un pretesto per un'invasione" in Ucraina.
Peskov ha dichiarato che "viviamo in un mondo di accuse e notizie false, un mondo di bugie" e "finché non si dimostra con qualcosa di visibile o qualcosa di concreto", Mosca continuerà a credere che si tratta di notizie false e di accuse false”.

Traduzione a cura di ACFB

Tratto da: actualidad.rt.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy