Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"… con il calore del popolo"

Devo sottolineare, con le giuste parole, non solo che Aleida Guevara, medico pediatra e attivista sociale che vive a Cuba, figlia di Ernesto "Che" Guevara, ha espresso recentemente ad un mezzo stampa argentino la sua opinione sulla situazione che si trova a vivere oggi il popolo cubano, ma devo anche esprimere che le sue puntualizzazioni, più che opportune, storicamente, rispecchiano il mio stesso pensiero di fronte a una situazione che, da alcuni giorni, ha portato Cuba  e i cubani sotto i riflettori del mondo intero.

Il pensiero sincero di questa donna riflette la sua trasparenza, non solo ideologica, ma anche la sua etica attivista, la sua schiettezza nel momento di dare la faccia al mondo intero. E credo che, già solo per questo motivo, senza considerare che si tratta della figlia di un vero rivoluzionario - mitico e punto di riferimento di molteplici generazioni, fino ai nostri giorni - oltre che indiscutibile combattente sociale storico, sia per i sudamericani e non, la sua opinione dovrebbe essere presa in considerazione e ricercata da chi ha sete di verità, in questo deserto che è oggi l'umanità, in ogni territorio del globo terrestre.   

Aleida Guevara è stata di recente in Italia, incontrandosi con i giovani di Our Voice e i redattori di AntimafiaDuemila, lanciando un forte messaggio contro l'individualismo che oggi prevale in ogni angolo del pianeta: “L’essere umano deve dimenticare l’io e lavorare con il noi”.

Espressione che anticipava in realtà il suo pensiero, oggetto di questo articolo, che si adegua perfettamente all’aria di tensione e scontro che si vive oggi nella sua amata Cuba. Espressione che colpisce dritto l'orgoglio della specie umana, per tirarla fuori dal letargo che si culla nell'individualismo ancestrale, intervenendo a favore del valore assoluto della collettività, del noi. 

Se interpretiamo quelle parole con il pensiero espresso a proposito della sua cara Cuba, ma con un animo se si vuole ancora più militante - naturalmente, contro l'impero statunitense - posso permettermi, senza timore di sbagliare, che Aleida, con la saggezza rivoluzionaria che corre nelle sue vene, ha l'autorità morale  di proporre le sue opinioni come idee da perseguire, da mettere in pratica per sciogliere tutti i nodi (e i dubbi) su un popolo che da quasi 60 anni vive sulla propria pelle uno degli embarghi più criminali della storia. 

"Vivo a Cuba" è il titolo dell'articolo (opinione, firmato orgogliosamente da Aleida Guevara) pubblicato da Página/12, e che ora trascrivo testualmente, non solo per avvicinarmi al popolo cubano, bensì fondamentalmente, per appoggiarlo - solidarizzare con lui - pensando, o per meglio dire, lavorando nel "noi", dimenticandomi dell"io”. 

Il "io" dell'impero. 


guevara aleida che flickr lezumbalaberenjena

Santa Clara, Dicembre 1958. Che Guevara e Aleida March © lezumbalaberenjena


Vivo a Cuba (*)

Di Aleida Guevara March - 22 Luglio 2021

Vivo a Cuba, amo il mio popolo e difendo la nostra rivoluzione. Sono un medico internazionalista, sono orgogliosa di esserlo, perciò vedo la realtà, sono critica, perché capisco che ci sono molte cose che dobbiamo migliorare e molte altre che dovremo cambiare, ma mi sono formata con una grande influenza di Marti e José. Martí diceva che il sole ha delle macchie, ma dà così tanta energia e così tanta luce che noi uomini non vediamo le sue macchie.  Ci ha insegnato a rispettare gli esseri umani, non possiamo pensare tutti allo stesso modo, ma tutti abbiamo il diritto di essere ascoltati e soprattutto di essere presi in considerazione, naturalmente per ottenere questo dobbiamo guadagnarci questo diritto.

Puoi gridare molto e molto forte, ma se quelli accanto a te gridano qualcos’altro, non importa quanto forte tu gridi, nessuno ti capirà, per questo l’unità di criteri è importante e io raccomando sempre di non criticare solo qualcosa, ma di essere capaci di proporre soluzioni. Quello che mi è molto chiaro è che non è possibile usare la violenza per farsi ascoltare; quando lo si fa, l’unica cosa che si ottiene è il rifiuto, soprattutto da un popolo che ha molte persone con un alto livello di cultura e dignità.

Alcuni giorni fa, persone senza scrupoli hanno commesso atti di vandalismo in diverse città del mio paese. Mi riferisco a spaccare vetrine, rubare nei negozi, lanciare pietre negli ospedali pediatrici, girare le macchine in mezzo alla strada, a volte con i colleghi dentro, insomma, cose a cui noi cubani non siamo abituati e con espressioni che dimostravano un livello culturale molto basso, distillando odio e molte bugie e quello che mi dà più fastidio è che non hanno vergogna nel riconoscere i loro legami finanziari con le istituzioni governative degli Stati Uniti d’America. 

Dignità e sovranità
Come ho già detto, la rivoluzione cubana è lungi dall’essere perfetta, ma gli unici che hanno il diritto di risolvere questi problemi siamo noi, nessun altro paese del mondo ha il diritto di intervenire nei nostri affari interni, e alcune di queste persone chiedevano l’intervento di potenze straniere: immaginate la reazione del popolo. Quello che ancora non capiscono è che Cuba è un popolo dignitoso e quando qualcuno mette in dubbio questa dignità, il popolo si unisce e difende con passione la sua sovranità.

Abbiamo molti problemi di alloggio, abbiamo serie difficoltà con i trasporti urbani, per peggiorare le cose con questa brutale pandemia che tutti stiamo soffrendo, il governo degli Stati Uniti ha rafforzato le misure di blocco che ha mantenuto sul mio paese per quasi 60 anni; così abbiamo una mancanza di medicine, per esempio antibiotici orali, forniture come siringhe, ed a causa della persecuzione finanziaria a cui siamo sottoposti, non possiamo comprare tutto il cibo che ci serve. Inoltre, negli ultimi tempi è stato un calvario far arrivare sulle nostre coste le navi straniere con le cose di cui abbiamo bisogno, compreso il petrolio necessario per evitare quei fastidiosi blackout di cui soffriamo.

Ora qualcuno può dirmi qual è la preoccupazione del governo americano per il benessere del mio popolo se mantiene un tale blocco contro di noi? Onestamente non lo capisco.

Nonostante tutto questo, siamo l’unico paese dell’America Latina con due vaccini contro il Covid-19, fatti con grande sacrificio, ma da noi, senza l’interferenza di nessuna casa farmaceutica internazionale, che ci permette di vaccinare gratuitamente tutta la nostra popolazione e che ci permette di aiutare altri popoli in difficoltà. Voglio che sappiate che se voi, come popolo americano, avete bisogno della nostra solidarietà, la forniremo volentieri. Non dimenticate che la brigata internazionalista di medici ed operatori sanitari che ha lavorato in più di 50 paesi del mondo per aiutare a sconfiggere questa pandemia porta il nome di un giovane americano che ha combattuto a fianco del mio popolo contro il dominio spagnolo. In onore a quel coraggioso, Henry Reeve, portiamo vita e amore a quelli che più ne hanno bisogno nel mondo, per questo motivo e molto di più mi sento orgogliosa del mio popolo e della mia rivoluzione socialista.

Un abbraccio con il calore del popolo.

(*) Fonte Página/12

Foto di copertina: flickr.com/photos/asambleanacional

ARTICOLI CORRELATI

Ernesto ''Che'' Guevara

Aleida Guevara a Palermo: ''Dimenticare l'io e lavorare con il noi''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy