Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

La Casa Bianca ha fatto sapere ieri che Biden terrà una conferenza stampa da solo dopo il summit

l presidente degli Stati Uniti, Joe Biden ha deciso di non fare la conferenza stampa congiunta con Vladimir Putin alla fine del vertice che si dovrebbe detenere il 16 giugno a Ginevra. Biden ha giustificato la decisione affermando di voler evitare che i preparativi per una comune apparizione pubblica dei due leader possano in qualche modo alterare la sostanza dell’incontro. “Ho sempre pensato - e non intendo affermare che la stampa non debba sapere cosa succede - che questa non debba essere una gara a chi si comporta meglio di fronte ai giornalisti, o riesca a mettere più efficacemente in imbarazzo l’altro”, ha affermato l'attuale inquilino della Casa Bianca nel corso di una conferenza stampa a margine del summit del G-7 in Cornovaglia tenutosi ieri 13 giugno. “Si tratta di mettere bene in chiaro le condizioni per un miglioramento delle relazioni con la Russia", ha aggiunto il presidente Usa, sottolineando che, “il modo migliore di affrontare la questione sia che io e lui (il presidente Putin) ci incontriamo e abbiamo la nostra discussione. So che non dubitate che sarò molto diretto in merito alle nostre preoccupazioni, ed esporrò chiaramente il mio punto di vista in merito a come è andato l’incontro, e lui certamente esprimerà a sua volta la sua prospettiva”.
Tuttavia appare contraddittorio il fatto che giusto ieri che Biden ha detto che terrà una conferenza stampa da solo a margine dell’incontro con Putin.
Infatti tale circostanza non era mai accaduta neanche con la precedente presidenza USA in riferimento al summit tra Putin e l’ex presidente Donald Trump nel 2018.
Il leader del Cremlino ha detto in un'intervista rilasciata al portale d’informazione “Smotrim.ru” che auspica la costruzione in un meccanismo per una cooperazione ad "ampio respiro" tra i due Paesi.
“Ci sono cose di cui parlare. E se riusciamo a istituire meccanismi per una cooperazione di ampio raggio dopo l’incontro, credo che sarebbe grande e l’incontro non si sarebbe tenuto invano”, ha dichiarato Putin, aggiungendo che Mosca e Washington stanno cercando di astenersi dalla retorica aggressiva in vista del summit di Ginevra “per creare il clima appropriato e favorevole per i lavori. Questo è un approccio professionale”, ha sottolineato. “Dobbiamo ripristinare i nostri contatti personali, i rapporti, istituire un dialogo diretto, creare dei meccanismi di interazione realmente funzionanti”, e poi ancora, “Ci sono aree nelle quali possiamo veramente lavorare con efficacia”.
Infine Putin ha indicato inoltre alcuni temi sui quali intende avere un confronto con Biden: Siria, Libia, stabilità nucleare strategica e cybersicurezza.

Fonte: nova.news

Foto originali © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Putin intervistato alla Nbc: ''Rapporti Usa-Russia al punto più basso degli ultimi anni''

Crisi Donbass, Putin non ci sta e avverte l'Occidente: ''Non varcate la linea rossa''

Trattato Cieli Aperti, Putin firma la legge di recesso per la Russia

Donbass, guerra sempre più vicina

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy