Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Anche conflitto israelo-palestinese influisce su sicurezza della Russia"

L'Ucraina, Paese vicino e importante per la sicurezza della Russia, si sta trasformando in un antagonista di Mosca. E' quanto affermato dal capo dello stato russo, Vladimir Putin, nel corso di un incontro con il Consiglio di sicurezza nazionale. "L'Ucraina si sta lentamente ma inesorabilmente trasformando in una sorta di antagonista della Russia, in una specie di piattaforma, dal cui territorio riceveremo costantemente un'attenzione speciale", ha dichiarato Putin. "Ora, come sapete, si sta verificando un palese sgombero del campo politico (in Ucraina). I mass media nazionali stanno chiudendo e i nostri partner occidentali non reagiscono, se non sostenendo decisioni di questo tipo", ha affermato il presidente russo, secondo cui "per motivi politici, qualcuno è selettivamente accusato di lavorare con la Russia nella sfera economica, sebbene molti, compresa la leadership politica del Paese, lavorino attivamente da molti anni nella Federazione e anche in Crimea". "Le decisioni sono chiaramente politiche e selettive, mirate solo a una cosa: ripulire il campo politico da quelle forze che sostengono una risoluzione pacifica della crisi nel sud-est dell'Ucraina, nel Donbass e a favore del bene delle relazioni di vicinato con la Russia", ha affermato Putin.
Il Presidente russo ha lanciato un monito di fronte a questo incremento dell'aggressività in Ucraina nei confronti della Russia, testimoniato dall'incriminazione degli esponenti dell'opposizione, affermando che le minacce non resteranno senza risposta. "E' un problema che ovviamente dovrebbe sempre essere nel campo della nostra attenzione e dovremo rispondere in modo tempestivo, adeguatamente, alle minacce che si stanno ponendo", ha dichiarato Putin, osservando che la vicina Ucraina si sta gradualmente trasformando in un antagonista in campo politico e di sicurezza. "I rappresentanti dell'opposizione sono accusati di cooperazione con la Russia, anche nella sfera economica", ha osservato il capo dello stato, ricordando che tuttavia sul piano economico i due Paesi sono strettamente legati. "Il nostro fatturato commerciale per l'anno è stato di 9,9 miliardi di dollari. Non riesco a immaginare, nel concreto, che tutti coloro che lavorano con la Russia possano essere portati alla responsabilità penale in Ucraina", ha commentato Putin facendo riferimento alla vicenda del leader del partito ucraino filorusso Piattaforma di opposizione-Per la vita, Viktor Medvedchuk, che si trova agli arresti domiciliari e rischia una condanna per alto tradimento.
Ugualmente nel corso della riunione il Presidente russo ha espresso la propria preoccupazione per l'escalation degli scontri a Gaza. "L'aggravarsi del conflitto israelo-palestinese sta accadendo nelle immediate vicinanze dei nostri confini e influisce direttamente negli interessi della nostra sicurezza" ha dichiarato Putin in apertura della riunione.

Foto © Global Panorama

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy