Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L'assassinio a sangue freddo del giocoliere, artista di strada, Francisco Martínez Romero, è l'ennesima dimostrazione di un governo assassino che deve dimettersi e consegnarsi alla giustizia, per ogni delitto ed ogni crimine istituzionale commesso durante il suo governo, per dignità e rispetto verso tutte le vittime del suo mandato.
Lo abbiamo detto e gridato in modi diversi, come Movimento attivista artistico internazionale, ed oggi, con dolore ed impotenza nel nostro petto, lo diciamo di nuovo: Il Cile vive sotto il regime di uno Stato fascista, pinochetista, che si regge solo ed esclusivamente nella repressione violenta e sanguinaria del suo popolo.
Non è solo un Carabinero incompetente e vigliacco che decide sparare come prima opzione di fronte ad un povero, un emigrante, un artista, un indigeno, un emarginato sociale a causa della feroce economia neoliberale al servizio delle stesse famiglie mafiose di sempre. Le istituzioni, le forze di sicurezza e lo Stato del Cile si reggono su principi dittatoriali che continuano oggi a sparare contro migliaia di giovani, stanchi della violenza, la fame e gli inesistenti diritti umani in tutto il paese. Il presidente del Cile, Sebastiàn Piñera, con arroganza e cinismo, continua ad imporsi nel potere con solo un 4% di consenso in tutta la nazione.
Non si tratta di grilletto facile. La morte dell'artista Francisco è la manifestazione dello Stato oppressore contro il quale resistiamo in Cile con movimenti femministi, di emigranti, indigene e sociali. E continuiamo a segnalare, denunciando, con l'arte e la nostra voce, a nome di tutti i caduti e le cadute, fino a quando non sarà fatta giustizia contro ogni genocida. Fino a quando sapremo la verità per ogni ingiustizia e per il Cile di Salvatore Allende, di Víctor Jara, di Violeta Parra, di Macarena Valdez, di Camilo Catrillanca e di tutti i martiri. Fino a quando ci sarà una democrazia vera, nella vittoria che è già del popolo.
Non dimentichiamo! Esigiamo giustizia per Francisco e tutti quei perseguitati, torturati ed assassinati in Cile. Pretendiamo la libertà di tutti i prigionieri politici!
Libertà per i prigionieri politici!

Foto originale tratta da: piensachile.com

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy