Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L'udienza preliminare potrebbe essere fissata entro la fine della primavera

La procura di Roma ha chiesto il rinvio a giudizio per i quattro agenti 007 egiziani appartenenti alla National Security Agency accusati del sequestro, delle torture e dell'omicidio di Giulio Regeni, il ricercatore italiano trovato privo di vita in Egitto nel febbraio del 2016. Per il generale Tariq Sabir, Athar Kamel Mohamed Ibrahim, Uhsam Helmi, Magdi Ibrahim Abdelal Sharif le accuse variano dal sequestro di persona pluriaggravato al concorso in omicidio aggravato e concorso in lesioni personali aggravate. In una nota la Procura capitolina afferma che "nella mattinata odierna, nel procedimento per il sequestro la tortura e l'omicidio di Giulio Regeni, non essendo intervenuto alcun fatto nuovo dopo la notifica dell'avviso di conclusioni delle indagini, ha depositato la richiesta di rinvio a giudizio negli uffici del Giudice dell'udienza preliminare nei confronti dei quattro cittadini egiziani appartenenti agli apparati di sicurezza". L'udienza preliminare per i quattro appartenenti ai servizi segreti egiziani potrebbe essere fissata entro la fine della primavera. Davanti al gup si aprirà la questione dell'assenza dell'elezione di domicilio per gli imputati. Il giudice per le udienze preliminari dovrà, infatti, affrontare questo tema oggetto di rogatoria della Procura di Roma firmata dal procuratore Michele Prestipino e dal sostituto Sergio Colaiocco nell'aprile del 2019 e più volte sollecitata nel corso degli incontri con le autorità egiziane. In base al nostro sistema giudiziario proseguire il procedimento e rinviare a giudizio non è possibile se non c'è la certezza dell'avvenuta notifica ai quattro al Cairo. Il gup però potrebbe procedere ugualmente valutando come decisiva la rilevanza mediatica avuta anche in Egitto dell'indagine e la diffusione dei nomi degli imputati.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Caso Regeni. Schiaffo dalla procura egiziana: no a processo, è immotivato

Caso Regeni: chiusa l'inchiesta, quattro 007 egiziani verso il processo

Caso Regeni: visto da testimoni nella caserma degli 007

Svolta nel caso Regeni, entro dicembre chiuse indagini su 007 egiziani

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy