Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L'Avana risponde: "Dagli Usa opportunismo politico"

Il dipartimento di Stato ha nuovamente inserito Cuba fra gli Stati sponsor del terrorismo, adducendo come ragione l'appoggio al Venezuela di Maduro. L'inserimento nella lista - di cui fanno parte paesi come Iran, Corea del Nord e Siria - comporta penalità per persone e paesi impegnati in alcune attività commerciali con Cuba. Un passo che mette in difficoltà il neopresidente eletto Joe Biden in un possibile riavvicinamento con l'Avana. Per Biden la scelta di Trump potrebbe allungare i tempi di una ripresa dei rapporti anche se l'inserimento nella blacklist durerà mesi prima della chiusura della revisione formale. Era stato il presidente Barack Obama nel 2015 a cancellare Cuba dalla lista e aveva coronato la distensione dei rapporti con la prima visita di un presidente americano a Cuba dal 1928 avvenuta nel 2016, ma Trump ha ristabilito una linea dura contro lo stato caraibico. "Con questa decisione, faremo in modo che Cuba torni ancora una volta a essere ritenuta responsabile e mandiamo un messaggio chiaro: il regime di Castro deve mettere fine al sostegno del terrorismo internazionale e della sovversione della giustizia americana", ha detto il segretario di Stato Usa Mike Pompeo in una nota. In risposta il ministro degli Esteri cubano Bruno Rodriguez ha twittato: "Condanniamo la definizione cinica e ipocrita di Cuba come uno stato sponsor del terrorismo, annunciata dagli Stati uniti". "L'opportunismo politico di questa azione è riconosciuto da chiunque abbia un'onesta preoccupazione per la piaga del terrorismo e le sue vittime", ha concluso.

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy