Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Secondo la Procura Generale egiziana “è ancora ignoto l’autore del delitto”

La procura di Roma è pronta a chiudere le indagini sulla morte di Giulio Regeni, il ricercatore friulano, ucciso nel 2016 in Egitto, a carico di 5 persone appartenenti agli apparati di sicurezza egiziani e accusati di sequestro. E' quanto ha comunicato il procuratore di Roma, Michele Prestipino (in foto), al procuratore generale d'Egitto, che ha espresso riserve sulle prove raccolte. "Nel prendere atto della conclusione delle indagini preliminari italiane - si legge nella nota congiunta dei due uffici giudiziari - il procuratore generale di Egitto avanza riserve sulla solidità del quadro probatorio che ritiene costituito da prove insufficienti per sostenere l'accusa in giudizio. In ogni caso la procura generale d'Egitto rispetta le decisioni che verranno assunte, nella sua autonomia, dalla procura della Repubblica di Roma". Inoltre in una nota congiunta tra gli uffici giudiziari egiziani e italiani il procuratore egiziano Hamada al Sawi ha comunicato di "avere raccolto prove sufficienti nei confronti di una banda criminale accusata di furto aggravato degli effetti di Regeni che sono stati rinvenuti nell'abitazione di uno dei membri della banda criminale". Ma secondo la “Procura Generale d'Egitto l'esecutore materiale dell'omicidio di Giulio Regeni è ancora ignoto". Per l'alto magistrato egiziano "le indagini hanno accertato che la stessa banda aveva già compiuto atti simili ai danni di cittadini stranieri, tra i quali anche un altro cittadino italiano e alcune testimonianze acquisite hanno consolidato il quadro probatorio. Inoltre il modus operandi della banda - si legge nella nota - è caratterizzato dall'utilizzo di documenti contraffatti di appartenenti alle forze dell'ordine. La procura generale dell'Egitto ha spiegato che procederà per queste ragioni nei loro confronti con la chiusura provvisoria delle indagini, incaricando gli inquirenti competenti di intraprendere tutte le misure necessarie per giungere all'identificazione dei colpevoli dell'omicidio. La procura della Repubblica di Roma prende atto della decisione della procura generale di Egitto", conclude la nota.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Svolta nel caso Regeni, entro dicembre chiuse indagini su 007 egiziani

Caso Regeni, quando gli affari vengono prima della ricerca della verità

Caso Regeni, i genitori: ''Questo Governo ci ha traditi''

Caso Regeni: Commissione d'inchiesta chiede audizione ''urgente'' del premier Conte

Armi all'Egitto: Italia punta a commessa del secolo, ma gli attivisti non ci stanno

Caso Regeni. I pm romani: ''Intorno a lui stretta una ragnatela tessuta dagli apparati dei servizi egiziani''

Caso Regeni. Fico: ''Non è possibile che l'Egitto non collabori per appurare verità''

Caso Regeni. L'ex ambasciatore Massari: ''Il Cairo non ci informò subito della scomparsa''

Caso Regeni. I famigliari: ''Zone grigie da parte del governo italiano ed egiziano''

Giulio Regeni, storia di un omicidio

Caso Regeni, agente servizi egiziani: "Abbiamo preso noi Giulio, ci convincemmo che era una spia"

 

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy