Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Conte telefona in segreto Al Sisi: "Non c'è più tempo. L'Italia sa e andrà avanti".
Palazzotto: "Richiamo dell'ambasciatore a questo punto sarà solo un atto dovuto"

E’ sul punto di svolta il caso Regeni. A cinque anni dall’omicidio del giovane ricercatore friulano, sequestrato, torturato e ucciso in Egitto tra il 25 gennaio e il 3 febbraio 2016, i pm di Roma sono pronti a mandare a processo gli 007 egiziani.
In mano ai magistrati e agli inquirenti, nonostante le reticenze da parte del Cairo, ci sono prove “univoche” e “concordanti” che documenterebbero il coinvolgimento diretto degli apparati della sicurezza egiziana nell’uccisione di Giulio e nella sistematica opera di depistaggio ordita dall’ormai ex ministro dell’Interno egiziano Magdi Abdel Ghaffar per dissimularne le responsabilità. Sono 5 anni che la famiglia Regeni e l'Italia attendono di conoscere la verità sulla sua morte. A indagare sono stati i magistrati della procura di Roma Sergio Colaiocco e Michele Prestipino che ora sono pronti ad andare a processo che si celebrerà in ogni caso, anche se il Cairo non dovesse riconoscere la legittimità del procedimento italiano. Il 4 dicembre si procederà nei confronti dei cinque funzionari della National security agency (il servizio segreto interno egiziano) iscritti due anni fa nel registro degli indagati chiedendo un processo con l’accusa di omicidio. Intanto ieri mattina il presidente del Consiglio Giuseppe Conte ha telefonato il presidente egiziano Abdel Fattah Al Sisi. Una chiamata di cui pare fossero all’oscuro gli ambienti della Farnesina e lo stesso ministro degli Esteri Luigi Di Maio. Ufficialmente si sarebbe parlato di rapporti bilaterali economici e militari. Ma sul tavolo si sarebbe discusso anche dello status delle indagini sul caso Regeni. "Non c'è più tempo. L'Italia sa e andrà avanti", questo, secondo indiscrezioni, sarebbe il senso della telefonata. Il governo sembra pronto alla rottura di un già delicato equilibrio diplomatico che mette in gioco interessi strategici ed economici. Da Palazzo Chigi prevale ottimismo. In un modo o nell’altro sembra che anche dopo la telefonata di ieri il dittatore egiziano potrebbe alla fine accettare di consegnare alla giustizia italiana gli agenti dell’intelligence responsabili dell’omicidio, perché questo consentirebbe di provare a separare le responsabilità della Presidenza egiziana dall’omicidio, facendo apparire Al Sisi come vittima di una parte dei suoi stessi servizi. "Dopo anni di reticenze e depistaggi è l'ora della verità”, ha commentato su Twitter Erasmo Palazzotto (LeU) presidente della commissione parlamentare d’inchiesta sulla morte del giovane friulano. “Senza risposte il Governo dovrà assumere ogni iniziativa per mettere l'Egitto davanti alle sue responsabilità. Il richiamo dell'ambasciatore a questo punto sarà solo un atto dovuto. Verità e giustizia per Giulio Regeni.

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Caso Regeni, quando gli affari vengono prima della ricerca della verità

Caso Regeni, i genitori: ''Questo Governo ci ha traditi''

Caso Regeni: Commissione d'inchiesta chiede audizione ''urgente'' del premier Conte

Armi all'Egitto: Italia punta a commessa del secolo, ma gli attivisti non ci stanno

Caso Regeni. I pm romani: ''Intorno a lui stretta una ragnatela tessuta dagli apparati dei servizi egiziani''

Caso Regeni. Fico: ''Non è possibile che l'Egitto non collabori per appurare verità''

Caso Regeni. L'ex ambasciatore Massari: ''Il Cairo non ci informò subito della scomparsa''

Caso Regeni. I famigliari: ''Zone grigie da parte del governo italiano ed egiziano''

Giulio Regeni, storia di un omicidio

Caso Regeni, agente servizi egiziani: "Abbiamo preso noi Giulio, ci convincemmo che era una spia"

Video

  • All
  • Antonio Ingroia
  • Cosa Nostra
  • Our Voice
  • Palestina
  • Pietro Riggio
  • Salvatore Borsellino
  • Video

Le recensioni di AntimafiaDuemila

LA MAFIA HA VINTO

LA MAFIA HA VINTO

by Saverio Lodato

...

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

MI PRENDO IL MONDO OVUNQUE SIA

by Letizia Battaglia, Sabrina Pisu

...


MAGISTROPOLI

MAGISTROPOLI

by Antonio Massari

...

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

IL LIBRO NERO DEL VATICANO

by Gianluigi Nuzzi

...


OSSIGENO ILLEGALE

OSSIGENO ILLEGALE

by Nicola Gratteri, Antonio Nicaso

...


LA STRAGE CONTINUA

LA STRAGE CONTINUA

by Raffaella Fanelli

...

U SICCU

U SICCU

by Lirio Abbate

...


ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy