Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Secondo il Nyt sarebbe stato momentaneamente dissuaso dai suoi più stretti consiglieri

Il presidente uscente Donald Trump avrebbe chiesto la scorsa settimana ai suoi consiglieri più stretti di valutare l'opzione di un attacco contro l'Iran per bloccare il suo programma nucleare. A rivelarlo è il New York Times, citando quattro attuali ed ex funzionari dell'amministrazione americana, secondo cui i consiglieri sarebbero riusciti a dissuadere il presidente a ordinare l'attacco, sostenendo che un raid contro gli impianti nucleari della Repubblica islamica potrebbe causare un'escalation senza precedenti nella regione.
Secondo il giornale il Tycoon aveva in mente di agire prima del termine del suo mandato già nelle prossime settimane. Probabilmente a finire nel mirino di Trump è stato il sito di Natanz (a 200 km da Teheran). Giovedì scorso alla Casa Bianca si sarebbe tenuta una riunione dopo le notizie dell'Agenzia internazionale per l'energia atomica (Aiea) secondo cui l'Iran sta continuando ad arricchire uranio da usare negli impianti nucleari sforando i limiti imposti dall'accordo internazionale sul suo programma nucleare (Jcpoa), tanto da essere arrivato ad almeno 12 volte la quantità consentita (oltre 2.400 kg a fronte dei 202,8 tollerati). All'incontro avrebbero partecipato il vice presidente Mike Pence, il segretario di Stato Mike Pompeo, Christopher Miller, che ha preso temporaneamente il posto del segretario alla Difesa Mark Esper appena silurato da Trump, e il capo degli Stati Maggiori Riuniti, Mark Milley. Stando alle fonti del New York Times, Trump potrebbe comunque non aver rinunciato a colpire obiettivi e alleati dell'Iran, anche le milizie attive in Iraq. Gli Stati Uniti si sono ritirati nel maggio del 2018 dal Jcpoa, firmato nel 2015 all'epoca dell'Amministrazione Obama, e hanno ripristinato le sanzioni contro la Repubblica Islamica. Dallo scorso anno Teheran ha iniziato a fare marcia indietro rispetto agli impegni assunti con l'accordo.

ARTICOLI CORRELATI

Trump, l'America e la cavalcata nell’Apocalisse

Taccia questo buffone!

Trema il mondo: gli USA uccidono il generale iraniano Soleimani. Khamenei promette ''dura vendetta''

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy