Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

di Marco Preve
La Bahri Yanbu, la nave delle armi sospettata di aver già trasportato cannoni francesi diretti all’Arabia Saudita e utilizzati contro i civili nella guerra in Yemen, potrebbe posticipare il suo arrivo a Genova previsto per sabato, a lunedì o martedì. Ma questo non attenua la forte tensione che il caso sta generando in città con riflessi anche internazionali.
A seguito di un’inchiesta giornalistica francese del sito Disclose che ha rivelato questa rotta delle armi, e dopo che a Le Havre la protesta dei pacifisti aveva impedito l’accosto e l’imbarco di cannoni Caesar, la campagna di boicottaggio di sé spostata a Genova.
Oggi pomeriggio alle 18 in sala chiamata della Culmv i portuali e le altre associazioni e soggetti impegnati nella campagna decideranno come muoversi per non far entrare la nave in porto.
Dal canto loro le autorità istituzionali, Prefettura e Capitaneria a fronte di permessi internazionali e della mancanza di fonti ufficiali che denuncino violazioni formali, non sono intenzionate a negare l’accosto. La Prefettura spiega anche che a Genova è previsto l’imbarco esclusivo “di materiale civile”. Il rischio è quello di una protesta con blocchi in banchina, evenienza molto delicata visto che il porto è una zona interdetta a meno che non ci si debba trovare per ragioni di lavoro. La Cgil, fra i soggetti più attivi “sostiene e si unisce alla mobilitazione della Filt di Genova e dei portuali per chiedere al governo italiano di non consentire il permesso di attracco nei porti italiani alla nave Bahri Yanbu con il suo carico di armi, ancora una volta destinate alla guerra nello Yemen”. Così il segretario confederale della Cgil nazionale, Giuseppe Massafra, sostenendo che “il nostro Paese, il nostro sistema produttivo e industriale, il lavoro non possono essere messi al servizio né di guerre, né di operazioni commerciali che alimentano crisi umanitarie e violazione dei diritti umani”. Sulla vicenda si è espresso anche il deputato di LeU, ora esponente della Sinistra, Erasmo Palazzotto, componente della Commissione Difesa della Camera: “Condivido e sostengo le preoccupazioni dei portuali di Genova. Il governo invece di chiudere i porti a chi salva vite in mare intervenga chiudendo i nostri porti alle navi che trasportano morte”.

Tratto da: La Repubblica

ARTICOLI CORRELATI

Genova, cannoni e carri armati; le prime foto della nave delle armi che i portuali non vogliono far attraccare

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy