Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

striscia-gaza19 novembre 2012
Cresce di ora in ora la tensione in Medio Oriente.  Sono 29 le vittime civili di un raid israeliano di ieri nel distretto di Nasser a Gaza che ha colpito una casa di tre piani. Di questi almeno dieci sono bambini,  cinque dei quali piccolissimi Secondo fonti militari israeliane citate da Haaretz, si tratta del numero più alto di morti civili in un raid in cinque giorni di conflitto. Almeno una ventina di civili sono rimasti feriti nel corso dell’incursione.

Le vittime totali di cinque giorni di conflitto sono 71: 68 palestinesi (con 600 feriti), 3 israeliane (con 50 feriti).  Nel Nasser di Gaza una famiglia di undici persone, 6 bambini, 4 donne e un anziano è stata sterminata da un missile sganciato dall’aviazione israeliana. Si chiamavano al-Dalu. Pare che l’obiettivo fosse Jamal Mohammed Yassin Dalu, 50 anni, un ingegnere che faceva parte di una unità addetta al lancio dei razzi. L’esercito israeliano aveva sostenuto in un primo momento che nell’edificio abitava Yahia Rabia, capo dei reparti che scagliano i missili contro Israele, ma poi ha ipotizzato che Rabia non sia stato neppure ferito e ha ridimensionato la sua importanza. Si tratterebbe solo di un ufficiale di alto grado delle Brigate di Hamas. Altri quattro piccoli erano stati uccisi qualche ora prima, due nel nord della Striscia, una, Tasneem di 9 anni, uccisa assieme al padre nel campo profughi di al Shati, e Eyad, appena 18 mesi, ad al-Bureji. Un altro raid alle 1 e 40 della notte ha colpito il palazzo al Shuruq sede degli uffici della tv Al Quds. Una seconda incursione ha centrato un secondo grattacielo, lo Shawa, che ospita Sky news, al Arabiya, gli studi della tv al-Aqsa, l’emittente di Hamas, e della televisione Russia Today. Le stanze del canale russo sono state completamente distrutte. Gli israeliani sostengono che all’ottavo piano del primo edificio colpito c’era una “sala operativa di Hamas”, e che l’ obiettivo è stato mancato. Sempre ieri l’esercito di Gerusalemme si è inserito sulle frequenze della radio al-Aqsa di Hamas e ha esortato i civili a tenersi alla larga dai miliziani islamici.
Per la quarta volta Tel Aviv è tornata sotto tiro dei razzi al Fajr di fabbricazione iraniana. Entrambi sono stati intercettati. Un missile partito da Gaza ha ferito sette persone a Shaar Hanegev, vicino al confine con la Striscia. Un altro ordigno ha centrato il tetto di un palazzo di Asqelon trapassandolo dal quarto al secondo piano e ferendo due persone.

A Gaza giornalisti feriti, uno perde una gamba (vedi il video cliccando qui) Israele ha lanciato una aspra escalation contro i mezzi di comunicazione attivi a Gaza, colpendo dapprima due edifici che ospitano uffici di diverse emittenti, locali e internazionali, e occupando poi le frequenze di una radio di Hamas, allo scopo di diffondere messaggi di avvertimento alla popolazione della Striscia. Otto fra giornalisti e tecnici sono rimasti feriti nei due attacchi: a uno di loro, un cameraman locale, è stata amputata una gamba.  Immediate le proteste della stampa locale, del mondo arabo e di alcune Ong straniere. Sotto uno degli edifici colpiti, lo al-Shuruq, si è raccolto subito un picchetto di circa 200 persone che con la loro presenza puntavano a impedire ulteriori minacce. A Tel Aviv, l’Associazione della stampa estera (Fpa) ha emesso un severo comunicato di denuncia.
19 novembre 2012

Tratto da: articolo21.org

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy