Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Secondo il ministero dell’interno della LPR, il 50% della città è sotto controllo russo. Altri aiuti militari dagli USA per 820 milioni di dollari

Tutte le rotte significative per Lisichansk sono controllate dalle forze alleate della Russia e della Repubblica popolare di Lugansk (LPR)”. Lo ha annunciato l’ambasciatore della LPR in Russia Rodion Miroshnik, precisando che Lisichansk-Artemovsk è completamente bloccata e le formazioni ucraine sono state completamente scacciate dalla zona industriale.
Anche l’intelligence britannica conferma “piccoli progressi” intorno alla città conseguiti dall’esercito russo. Le unità d’assalto pro-Mosca hanno preso il controllo della raffineria di petrolio vicino all'insediamento di Volcheyarovka, mentre le truppe di Kiev sono bloccate in un ambiente operativo fortemente limitante per le loro capacità di manovra. Sul territorio della zona industriale, strategicamente di rilievo, erano presenti potenziali postazioni per cecchini, mitragliatrici e lanciagranate, rifugi per equipaggiamento militare che potevano trasformare il luogo in un secondo Azovstal.
Oltre alla raffineria, le forze filo-russe hanno occupato un impianto di prodotti in gomma situato a est, un tempo una delle più grandi imprese della SSR ucraina. Non è stato nemmeno difeso, Mariupol ha mostrato che in condizioni di completo accerchiamento, senza rinforzi e rifornimento di munizioni, anche gli edifici cessano di essere un rifugio affidabile.
La sera prima il ministero dell’interno della LPR aveva annunciato che il 50% della città di Lisichansk era stata presa sotto controllo, mentre continuavano i combattimenti casa per casa.  In questo momento le unità delle forze armate ucraine stanno cercando di ritirarsi verso l'unica strada rimasta attraverso Belogorovka, costringendosi ad una via di fuga in campo aperto, costantemente bombardata da artiglieria e aerei.
"Sono in una trappola, la loro sconfitta è solo questione di tempo", ha affermato un ufficiale dell'esercito della LPR su Ria Novosti. "Secondo le nostre informazioni, oltre all'esercito ucraino, diverse centinaia di mercenari e volontari occidentali, principalmente dalla Polonia, stabiliti a Lisichansk”. “Speriamo che abbiano abbastanza sanità mentale da non morire per un paese straniero. Se gli stranieri non hanno commesso crimini di guerra nel Donbass, possono contare sulla clemenza della corte. Ma fino a quando non deporranno le armi, non li compatiremo”, ha aggiunto.
Il controllo su questo importante snodo consentirà alle forze russe di sviluppare l'offensiva in più direzioni contemporaneamente: a sud verso Bakhmut, a ovest a Slavyansk e Kramatorsk, a nord-ovest, verso la regione di Kharkov.
Secondo Ilya Kiva, ex deputato della Verkhovna Rada, il presidente ucraino Zelensky avrebbe già incaricato il capo del controspionaggio, il generale Oleksandr Poklad, di trovare o formare un dossier di accuse contro il comandante in capo delle forze armate ucraine, Zaluzhny, in connessione con la perdita di territorio e la sconfitta nel Donbass.
Intanto continuano le nuove forniture di armamenti dagli Stati Uniti. Il nuovo pacchetto, del valore di circa 820 milioni di dollari, prelevati dal disegno di legge sugli aiuti all'Ucraina da 40 miliardi, è stato annunciato dal presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, giovedì dopo un raduno dei leader della Nato a Madrid.
Il Pentagono ha ufficializzato l'annuncio venerdì, aggiungendo che l'ultimo round di assistenza includerà anche più munizioni per i sistemi missilistici di artiglieria a lungo raggio, Himars, dalla gittata di 80 km. Si stimano fino a 150.000 colpi di munizioni di artiglieria da 155 mm.

Foto: it.depositphotos.com

ARTICOLI CORRELATI

La Nato si prepara alla guerra totale contro la Russia

Odessa: missili fanno strage di civili, 18 morti di cui due bambini. Kiev: ''Risponderemo''

Ucraina: secondo l'intelligence USA, la Russia potrebbe ricorrere ad armi nucleari

La Russia prossima a conquistare il Donbass, per l'occidente vince l'industria bellica

2014, Giulietto Chiesa: USA e Ue attaccano la Russia, pronti alla guerra nucleare

Ucraina: G7 lancia piano da 600 mld di dollari per investimenti. ''Uniti contro Mosca''

TAGS:

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy