Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

"Il secondo Emendamento protegge i diritti degli individui di portare un'arma con sé fuori casa per autodifesa".
E’ così che ieri, sorprendentemente, la Corte Suprema bocciando le restrizioni al porto di armi a New York ne ha esteso il diritto di accesso. “Il Secondo Emendamento”, affermano i saggi, “si applica anche fuori dalla propria abitazione”.
Una decisione che di fatto apre la strada alla possibilità che un maggior numero di persone possano legalmente portare armi in strada nelle più grandi città, avvenuta sulla scia del massacro nella scuola elementare texana di Uvalde, che ha provocato la morte di 21 persone, tra cui 19 bambini.
In 25 Stati dell’Unione non è attualmente necessario avere un permesso per portare un’arma in pubblico; dove è richiesto i possessori non devono giustificare la necessità di detenerla per farne domanda.
Ad esultare per l’esito della sentenza non poteva mancare la National Rifle Association, la più grande lobby statunitense a difesa delle armi che l’ha definita una “vittoria monumentale”, uno “spartiacque”, ha affermato il vice presidente dell’Nra Wayne LaPierreper gli uomini buoni e le donne buone di tutta l'America ed è il risultato di una battaglia lunga decenni portata avanti dalla Nra… Il diritto alla difesa personale e a quella della propria famiglia e dei propri cari non si esaurisce in casa. Questa decisione porta una giustizia che salverà la vita di tanti cittadini americani rispettosi della legge che vivono in regimi incostituzionali in tutto il Paese, in particolare in quelle città e Stati dove è facile uscire dal carcere, dove non ci sono cauzioni per tornare liberi e dove le forze dell'ordine vengono maltrattate".
Per il procuratore distrettuale di Manhattan, Alvin Bragg, la decisione della Corte Suprema "mina gravemente la sicurezza pubblica, non solo nella città di New York, ma in tutto il Paese".
Oggi le armi da fuoco, secondo uno studio pubblicato su The New England Journal of Medicine costituiscono oggi la principale causa di morte tra i giovani, superando anche gli incidenti stradali. Dal 2000 al 2020, secondo i dati dei Centers for Disease Control and Prevention (CDC) statunitensi, le morti legate alle armi da fuoco nella fascia di età da uno a 24 anni è aumentato dal 7,3 al 10,28 per 100.000 persone.

Foto: it.depositphotos.com

ARTICOLI CORRELATI

Trump e quegli USA che rivendicano il diritto alle armi di fronte alle stragi di bambini

I Mercanti della Morte. Le lobby delle armi superano i 2mila miliardi di dollari

Stati Uniti: notificata azione legale messicana contro i produttori di armi

Arma il prossimo tuo. Impennata di vendite di armi negli Stati Uniti

Stati Uniti, le lobby educano i bambini: milioni spesi per ‘avvicinarli’ alle armi

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy