Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

L’accorato appello del Pontefice: “Basta, ci si fermi, tacciano le armi, si tratti seriamente per la pace”

È l’ora di abolire la guerra, di cancellarla dalla storia dell’umanità prima che sia la guerra a cancellare l’umanità”. E’ questo l’accorato e duro appello che Papa Francesco ha fatto durante l’Angelus a Piazza San Pietro esortando che tacciano le armi in Ucraina e nel mondo.
È passato più di un mese dall’invasione dell’Ucraina, di questa guerra crudele e insensata, che rappresenta una sconfitta per tutti noi. C’è bisogno di ripudiare la guerra, luogo di morte dove padri e madri seppelliscono i figli, dove uomini uccidono i loro fratelli senza averli nemmeno visti, dove i potenti decidono e i poveri muoiono”.
Il Papa è tornato poi a parlare dei piccoli fuggiti a causa dei bombardamenti. “La guerra non devasta solo il presente, ma anche l’avvenire della società. Un bambino su due è stato sfollato dal Paese, significa distruggere il futuro e provocare traumi tra i più piccoli e innocenti. Ecco la bestialità della guerra, atto barbaro e sacrilego”, ha aggiunto il Santo Padre.
Il Papa ha parlato del presente con gli occhi puntati sul futuro: “Non può essere qualcosa di inevitabile, non dobbiamo abituarci e dobbiamo convertire lo sdegno di oggi nell'impegno di domani. Se da questa vicenda usciremo come prima saremo in qualche modo tutti colpevoli”.
Poi il monito dalla finestra dello studio nel Palazzo Apostolico Vaticano ai fedeli e pellegrini in Piazza San Pietro: “Di fronte al pericolo di autodistruggersi, l'umanità comprenda che è giunto il momento di abolire la guerra, di cancellarla dalla storia dell’uomo prima che sia lei a cancellare l’uomo dalla Storia”.  
Prego per ogni responsabile politico - ha proseguito il Papa - di riflettere su questo, di impegnarsi su questo e, guardando alla martoriata Ucraina, di capire come ogni giorno di guerra peggiora la situazione per tutti”.  
Perciò - ha concluso - rinnovo il mio appello: basta, ci si fermi, tacciano le armi, si tratti seriamente per la pace”.
(Prima pubblicazione: 29 Marzo 2022)

Foto © Imagoeconomica

ARTICOLI CORRELATI

Papa Francesco si è bevuto il cervello?
di Saverio Lodato

La campagna di Goebbels con gli spaghetti e il mandolino
di Giorgio Bongiovanni

Il Papa sulla richiesta NATO di aumento della spesa bellica: ''Pazzi, mi sono vergognato''

Papa Francesco: ''La spesa per le armi è uno scandalo, non è una scelta neutrale''

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy