Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

E' stata fissata per il 10 gennaio prossimo la nuova udienza preliminare, davanti al Gup di Roma Roberto Ranazzi, nei confronti di quattro 007 egiziani accusati del sequestro e della morte di Giulio Regeni, il ricercatore 28enne di origine friulana rapito il 25 gennaio 2016 al Cairo, torturato per alcuni giorni e poi ucciso il 3 febbraio.

La terza Corte d'Assise di Roma, lo scorso 14 ottobre, aveva restituito gli atti al gup e dichiarato nullo il decreto di rinvio a giudizio non essendoci prova della conoscenza del procedimento da parte degli imputati egiziani. Spetterà dunque al giudice Ranazzi decidere come procedere per rintracciare i quattro e fare in modo che vengano 'certamente' a conoscenza del procedimento a loro carico. Per la procura a meritare il processo sono il generale Sabir Tariq, i colonnelli Usham Helmi, Athar Kamel Mohamed Ibrahim, e Magdi Ibrahim Abdelal Sharif, accusati per il reato di sequestro di persona pluriaggravato; nei confronti di quest'ultimo i pm contestano anche il concorso in lesioni personali aggravate e il concorso in omicidio aggravato.

Foto © Asiaecica

ARTICOLI CORRELATI

Caso Regeni, è stop al processo agli 007 egiziani: ''Imputati non raggiunti da atti ufficiali''

Caso Regeni: domani al via processo per i quattro 007 egiziani

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy