Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Il Sudafrica è ora un nodo chiave nel commercio globale di cocaina con un mercato in espansione verso l'Europa, Australia e Hong Kong.
Questa tesi è stata più volte confermata nel tempo dai numerosi sequestri di cocaina avvenuti negli ultimi mesi. Basti pensare che il più grande sequestro - avvenuto recentemente ad Agosto - è stato effettuato nel porto di Durban, il più grande porto marittimo dell'Africa subsahariana, e che comprendeva più di una tonnellata di cocaina arrivata dal porto brasiliano di Santos.
La suddetta confisca ha portato il totale della cocaina sequestrata nel Paese a quattro tonnellate.
Tenendo conto che il dato si riferisce ad un arco temporale comprendente i mesi da marzo fino ad oggi, si può facilmente intuire l'intensità di tale traffico di droga nel paese sudafricano.
Secondo le fonti ufficiali i sequestri più grandi sono stati: una tonnellata da un peschereccio il 1 marzo, 800 chilogrammi da una moto d'acqua rimorchiata il 2 giugno, 541 chilogrammi da un deposito di container il 22 giugno e così come 715 chilogrammi da veicoli della polizia il 9 luglio. Secondo le autorità locali, i carichi di cocaina hanno viaggiato dal porto brasiliano di Santos e tutti tranne uno sono entrati in Sudafrica attraverso il porto di Durban. Queste ingenti quantità portano nelle casse del narcotraffico importanti introiti, considerando che un singolo chilo di cocaina può essere venduto ad un prezzo compreso tra i 90mila e i 300mila dollari. Il Paese viene rifornito di droga quasi esclusivamente con i container spediti dal Brasile dal cartello "First Capital Command" (Primeiro Comando da Capital - PCC) il quale corrompendo le autorità locali, anche gli alti livelli, ha facilitato lo spostamento della droga.

ARTICOLI CORRELATI

Maxi sequestro di cocaina in Uruguay: 800 kg nei container

Panama: funzionari governativi partecipano al traffico di droga

Guatemala: sequestrata una tonnellata di cocaina

Narcotraffico in Afghanistan in aumento durante l'occupazione USA

I Narcocartelli che guidano la violenza in Messico

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy