Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Gli Stati Uniti dovrebbero stare lontani dalla Russia e dalla Crimea, poiché vi è un rischio molto elevato di incidenti. A dirlo è stato oggi il vice ministro degli Esteri russo Sergei Ryabkov (in foto) alla luce del dispiegamento della Marina statunitense nel Mar Nero, previsto la prossima settimana. Gli Stati Uniti "dovrebbero capire che il rischio di incidenti è molto alto - ha detto il diplomatico di Mosca - Abbiamo visto qualcosa di simile in un'area di mare completamente diversa all'inizio di quest'anno. Avvisiamo gli Stati Uniti che è meglio stare lontani dalla Crimea, dalla nostra costa del Mar Nero. Questo è per il loro bene".
Al contempo, intervistato dall'agenzia di stampa "Sputnik" Ryabkov ha esortato gli Stati Uniti ad adottare un approccio "più responsabile" verso la situazione legata all'Ucraina e a non aumentare la tensione nella regione del Donbass. "Possiamo solo esortare Washington ad adottare un approccio più responsabile a questo grave problema, a non intensificare le tensioni e, come priorità, a garantire un atteggiamento più responsabile nei confronti delle questioni relative a determinati scambi di informazioni tra le nostre capitali". Secondo il viceministro degli esteri, Mosca si aspetta che gli Stati Uniti intraprendano azioni efficaci per frenare l'escalation della politica di Kiev. "Non ci sono contatti con i rappresentanti degli Stati Uniti sull'Ucraina a livello di ministri degli Esteri e della Difesa e tali contatti non sono previsti. I contatti avvenuti circa 7-10 giorni fa sono stati effettuati ad altri livelli e attraverso diversi canali", ha aggiunto.
Le parole di Ryabkov seguono anche quelle pubblicate su Facebook dalla portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova in cui si accusa l'emittente televisiva statunitense "Cnn" di aver diffuso immagini di carri armati ucraini in una stazione ferroviaria ucraina come se fossero mezzi russi che si preparano ad un attacco.
La funzionaria russa ha postato immagini riprese dal media statunitense in cui un convoglio che trasporta carri armati attraversa una stazione ferroviaria sullo sfondo di un treno passeggeri che porta i colori ucraini. Zakharova ha esortato la redazione moscovita dell'emittente a verificare in modo più accurato le fonti.
Il clima internazionale è sempre più caldo ed anche il Presidente ucraino Volodymyr Zelensky, in un'intervista all'emittente statunitense "Cnn", ha aggiunto: "Siamo consci della possibilità di un'invasione russa dal 2014 e sappiamo che potrebbe avvenire in qualunque giorno. I russi sono pronti, ma lo siamo anche noi, perché si tratta della nostra terra e del nostro territorio", ha detto Zelensky.

Foto © IAEA Imagebank is licensed under CC BY 2.0

TAGS: ,

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy