Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Gli Stati Uniti starebbero valutando l'invio di navi da guerra nel Mar Nero nelle prossime settimane, per dimostrare il sostegno all'Ucraina, al cui confine orientale è stato segnalato un ammassamento di truppe russe. Lo riporta la Cnn citando una fonte nella Difesa. La Marina Usa opera di routine nel Mar Nero, ma il dispiegamento di navi da guerra in questo momento invierebbe un messaggio a Mosca sul fatto che Washington segue da vicino gli eventi, ha spiegato la fonte. Gli Stati Uniti devono dare un preavviso di 14 giorni della loro intenzione di entrare nel Mar Nero, secondo quanto previsto dal trattato del 1936, che concede alla Turchia il controllo dello stretto d'ingresso. Non è chiaro se il preavviso sia già stato inviato. La stessa fonte ha aggiunto che la Marina americana continua a effettuare voli di ricognizione nello spazio aereo internazionale sul Mar Nero per monitorare l'attività navale russa e ogni movimento di truppe in Crimea.
Al momento, sempre secondo il Pentagono, gli Stati Uniti non ritengono il rafforzamento delle postazioni militari russe al confine come una presa di posizione per un'azione offensiva. Tuttavia "se qualcosa cambia, saremo pronti a rispondere". Secondo il funzionario del Pentagono, i russi stanno facendo attività di addestramento ed esercitazioni e l'intelligence non ha riferito di ordini militari per altre azioni.
Al contempo, da Mosca, è intervenuto in conferenza stampa Dmitry Kozak, il capo negoziatore del Cremlino per l'Ucraina. Secondo quanto riportato dall'agenzia Tass, ripresa dalla Reuters, avrebbe affermato che la Russia potrebbe intervenire in aiuto ai suoi cittadini nell'est dell'Ucraina, se l'esercito di Kiev intraprendesse azioni ostili in Donbass, ed ha aggiunto che l'opzione dipende "dalla scala del conflitto".
Per Kosak, il conflitto tra Mosca e Kiev sul Donbass, l'area dell'Ucraina controllata dai separatisti filorussi, potrebbe essere risolto in un anno se venissero "applicati con coerenza" gli accordi di Minsk. Gli immediati problemi economici che sorgerebbero da un reintegro del Donbass in Ucraina sono, secondo Kozak, la ragione "per cui l'Ucraina ha preso questa posizione precisa: esasperare, infiniti colloqui demagogici senza risultato. E purtroppo i nostri partner nel Formato Normandia (Francia e Germania, ndr) si stanno muovendo nella stessa direzione dell'Ucraina".

Foto © "." by lulazzo is licensed under CC BY-NC-ND 2.0

TAGS: ,

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy