Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Oggi pomeriggio in onda su canale 54
di AMDuemila
A cinquant'anni dalla scomparsa del giornalista Mauro De Mauro, rapito a Palermo il 16 settembre 1970 e mai più ritrovato, Rai Stoia dedica un documentario per ripercorrere i fatti, ancora avvolti nel mistero. Andrà in onda questo pomeriggio alle 17.45 su Rai Storia (canale 54). Con la voce narrante dell'attore palermitano Claudio Gioe', il doc ripercorre la storia del giornale L'Ora, intrecciata con quella della città di Palermo e con la carriera di molti giornalisti diventati famosi. Nato all'epoca dei Florio, nel 1900, il giornale vive il suo periodo d'oro negli anni della direzione di Vittorio Nisticò, dal 1954 al 1975. E' in quest'epoca che nasce il giornalismo antimafia con tre generazioni di cronisti che si formano nella redazione di Piazzetta Napoli. Il racconto delle battaglie del giornale si intreccia così con i casi di cronaca più significativi e con i drammi che hanno portato alla morte di Mauro De Mauro e di altri due cronisti De L'Ora, Cosimo Cristina e Giovanni Spampinato. Un percorso che attraversa la storia della Sicilia, dalla prima inchiesta antimafia nel 1958 fino al terremoto del Belice, dal governo regionale di Silvio Milazzo alla guerra di mafia degli anni '80, impreziosito dalla collaborazione di intellettuali come Leonardo Sciascia. Fino alla chiusura del giornale, nel 1992, a pochi giorni dalla strage di Capaci. Tra le voci presenti nel documentario, spicca quella di Andrea Camilleri che ricordava i suoi primi passi da scrittore, parlando in televisione dei racconti che aveva inviato nel 1949 al quotidiano e che L'Ora aveva pubblicato. Ma ci sono anche ex giornalisti come Marcello Sorgi, Etrio Fidora, Franco Nicastro, Vincenzo Vasile, e dirigenti politici come Emanuele Macaluso. A leggere gli articoli delle grandi firme di quel giornale, infine, sono quattro giovani studenti siciliani impegnati nelle associazioni antimafia che si battono per la legalità.

Fonte: ANSA

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy