Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Catania, 7 gennaio 2018. La riduzione di 950.000 kg di anidride carbonica e l’immissione sul mercato di 90.000 kg di prodotti interamente recuperabili a fine vita (sottratti cioè alle discariche), sono questi gli obiettivi che l’associazione no profit ARSE persegue con il suo progetto denominato ERiC Economia Rinnovabile e Circolare.  Per comprendere meglio il “beneficio ambientale” che si otterrà grazie al progetto, possiamo dire che 950 mila chili di CO2 equivalgono alle emissioni emesse da un’automobile che percorre 1.000 volte il tragitto Catania-Capo Nord! Beneficio di gran lunga più soddisfacente di una domenica senza auto.
Come conseguire questo successo? Incentivando la diffusione di impianti di energia rinnovabile, che in Sicilia non può che non essere rappresentata dall’energia solare. Grazie alla formazione di un grande gruppo di acquisto, ERiC permetterà a 600 famiglie siciliane di dotarsi di un impianto fotovoltaico per produrre energia verde ed avere contestualmente benefici economici in bolletta. Si tratta solo della prima delle tante iniziative promosse da ARSE che alimenteranno un ciclo virtuoso basato su economia circolare e fonti energetiche rinnovabili.
Per visualizzare l’iniziativa è possibile visitare il sito www.progettoeric.it



ERiC - Economia Rinnovabile e Circolare
Energia fotovoltaica a basso costo, ovvero la green economy siciliana
Oggi più che mai c’è bisogno di impulsi positivi e propositivi che coinvolgano la società civile. Idee, progetti e azioni che abbiano come obiettivo quello di scardinare i fondamenti dell’attuale sistema economico (improntato sulla classica “economia lineare”) attraverso l’attuazione della cosiddetta “economia circolare”, un modello di crescita che punta alla riduzione dell’impatto ambientale, riduzione dei gas serra e alla massimizzazione del recupero dei rifiuti.
All’insegna di questo nuovo modello economico, in Sicilia arriva ERiC un ambizioso progetto che punta alla diffusione di impianti di produzione di energia elettrica fotovoltaica di tipo distribuito (energia prodotta dalle singole famiglie) a scapito della produzione di tipo centralizzato (classiche centrali elettriche fossili, impattanti e inquinanti). Obiettivo principale del progetto è quello di ridurre significativamente le emissioni di CO2, garantire il recupero dei rifiuti a fine vita (cioè dei pannelli fotovoltaici una volta dismessi) e trasformare tutti i partecipanti in utenze energeticamente 100% green, grazie al coinvolgimento di un trader ad energia verde certificata. Da qui il nome, ERiC Economia Rinnovabile e Circolare.
Attraverso lo strumento del gruppo di acquisto ERiC garantirà alle prime 600 famiglie siciliane la possibilità di installare in casa loro un impianto fotovoltaico quasi a prezzo di costo, poiché lo spirito del progetto è incentrato sulla diffusione di impianti di energia rinnovabile, non sul profitto. Due le tipologie impiantistiche da poter scegliere: il 3 kW per chi ha bassi consumi; il 6 kW per le famiglie più energivore.
I benefici ambientali conseguiti saranno: facilitare la diffusione della green economy in Sicilia (i pannelli fotovoltaici producono energia pulita e vengono interamente recuperati); raggiungere la soglia minima di 700.000 kg di CO2 evitata; avviare al recupero oltre 3.000 pannelli a fine vita (vale a dire, sottrarre oltre 60.000 kg di rifiuti alle discariche e recuperarli sotto forma di materie prime seconde).
Il beneficio per le famiglie siciliane è rappresentato dal bassissimo prezzo degli impianti conseguito dal potere del gruppo di acquisto.
È possibile verificare l’idoneità del proprio tetto sul sito www.progettoeric.it
Per informazioni scrivere all’indirizzo email Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. È necessario abilitare JavaScript per vederlo. oppure contattare il 3249955059.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy