Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

muos paraboledi Associazione Antimafie Rita Atria
Il Gip del Tribunale di Palermo respinge per la terza volta la richiesta di archiviazione del Pubblico Ministero del processo Gullo accogliendo per la terza volta l’opposizione a tale richiesta di archiviazione  proposta dalla vice presidente nazionale Nadia Furnari dell’ Associazione Antimafie Rita Atria a mezzo del suo difensore avvocato Goffredo D’Antona.
Come si ricorderà, nel luglio 2013, l’Associazione Antimafie RITA ATRIA  denunziava il dirigente regionale Gullo per falso ideologico e abuso in atti di ufficio, poiché egli, estrapolando e decontestualizzando una parte della relazione dell’Istituto  Superiore della Sanità ( ISS),  attribuiva a questo ente  un'affermazione di assoluta non pericolosità del sistema MUOS.
Il giudice dott. Ziino, pur dando atto che era nel frattempo pervenuta l’ordinanza dell’ordinanza del Tribunale del Riesame di Catania che annullava il sequestro del Muos di Niscemi e pur dando  atto che era intervenuta la sentenza del CGA, che sembrava legittimare la costruzione del MUOS,  ha ritenuto ugualmente di non condividere  la tesi della Procura.
Sul punto il Gip  scrive testualmente:
In particolare sono rimasti pochi chiari sia la circostanza che le misurazioni del collegio dei verificatori sarebbero state effettuate portando le singole antenne del Muos a valori di potenza di massima di trasmissione 200 watt di fatto più bassi di ben otto volte rispetto  a quelli indicati negli elaborati progettuali “ e quindi conclude “che considerata la complessità della materia e degli specifici  profili tecnici e giuridici contestati appare necessario ed opportuno lo svolgimento di ulteriori indagini".
Considerazioni giuridicamente molto rilevanti in quanto di fatto disattendono con puntuale motivazione i dubbi già  espressi sulla sentenza del CGA che sembrava aver detto la parola fine sul MUOS.
Questo ennesimo provvedimento giudiziario sul MUOS è la riprova ulteriore della fondatezza delle lotte e delle denunzie, tra queste quella poi confluita nel sequestro del MUOS di Niscemi ordinato dal GIP di Caltagirone su richiesta della Procura calatina, portate avanti con la sola forza della ragione dall’Associazione Antimafie RITA ATRIA. L’antimafia che denunzia ... anche il potere.

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy