Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Furti, rapine ed estorsioni con le indicazioni ai presunti componenti del sodalizio criminale fornite dal carcere attraverso i 'pizzini' lasciati da uno degli indagati nel corso dei colloqui settimanali con la compagna. E' quanto emerso dall'indagine 'Nexus' che ha portato i carabinieri di Brindisi ad eseguire un'ordinanza di custodia cautelare, emessa dalla magistratura leccese su richiesta della Dda, nei confronti di dieci persone. Gli indagati sono accusati di aver fatto parte di un'organizzazione criminale di tipo mafioso capeggiata da uno degli attuali indagati e riconducibile ad una frangia mesagnese della 'Sacra Corona Unita', dedita alla consumazione di reati contro il patrimonio (in particolare rapine, estorsioni, furti e ricettazione). I reati ipotizzati nei confronti delle persone coinvolte nell'inchiesta sarebbero stati commessi nel 2014, 2015 e 2018. L'attività investigativa è iniziata dopo una rapina compiuta la sera del 22 febbraio 2018 ai danni di una tabaccheria di Brindisi, che si concluse con tre arresti. Tra le altre contestazioni l'esplosione di colpi d'arma da fuoco a scopo intimidatorio nei confronti di un'auto concessionaria di Brindisi ed il successivo incendio di alcune vetture parcheggiate nell'autosalone, con la conseguente richiesta estorsiva al proprietario.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy