Questo sito utilizza cookie tecnici e di terze parti per migliorare la navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’uso del sito stesso. Per i dettagli o per disattivare i cookie consulta la nostra cookie policy. Chiudendo questo banner, scorrendo questa pagina o cliccando qualunque link del sito acconsenti all’uso dei cookie.

Deve scontare una pena di 13 anni e 5 mesi di reclusione Sergio Notaro, pregiudicato di 60 anni, di Campi salentina, in provincia di Lecce, ritenuto dagli investigatori elemento di vertice di una frangia della Sacra corona Unita che è stato rintracciato nel primo pomeriggio a Melendugno e arrestato dai carabinieri del Nucleo Investigativo del Comando provinciale del capoluogo salentino. 
L'organizzazione da lui capeggiata operava nel territorio di Squinzano. Notaro si era sottratto alla cattura dallo scorso 7 gennaio ed è stato rintracciato in una dependance di una villa nelle campagne di Melendugno dove era nascosto da più di due mesi. 
I militari gli hanno notificato un ordine di carcerazione emesso dalla Procura generale della Repubblica della Corte d'appello di Taranto. Per la sua individuazione gli investigatori hanno utilizzato le intercettazioni. Notaro è stato riconosciuto colpevole dei reati associazione per delinquere di tipo mafioso (416 bis) e poi di associazione finalizzata al traffico illecito di sostanze stupefacenti o psicotrope, estorsione e rapina in concorso aggravata dal metodo mafioso, commessi a Lecce e provincia dal 2008 al 2013. La condanna è definitiva.

Foto © Imagoeconomica

ANTIMAFIADuemila
Associazione Culturale Falcone e Borsellino
Via Molino I°, 1824 - 63811 Sant'Elpidio a Mare (FM) - P. iva 01734340449
Testata giornalistica iscritta presso il Tribunale di Fermo n.032000 del 15/03/2000
Privacy e Cookie policy